Spigolature, Uncategorized

Terremoto e faziosità – 29 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Non ho mai avuto molta simpatia per Vasco Errani per l’untuosità che traspare da tutti i suoi gesti e soprattutto dal suo modo di esprimersi. La sensazione è che sia uno che parla con il freno a mano tirato senza mai dare quel senso di autenticità che differenzia un politico politicante da una persona sincera e immediata (ad esempio Napolitano). Ma debbo riconoscergli una sostanziale correttezza e una gestione esemplare del terremoto emiliano, insomma una persona che comunque è in grado di padroneggiare situazioni complesse. Per questo la possibile scelta di Errani da parte di Renzi come commissario per il terremoto del centro Italia appare ragionevole e persino accettata da un avversario politico come Maroni. Ma ecco che si leva la voce invelenita e incattivita di chi non conta nulla, reduce da una cocente sconfitta elettorale e che è capace solo di gridare il suo livore impotente: Salvini e la sua compagna di merende Meloni. Che dire?  “Dio li fa poi li accompagna” (ma la Giorgia non si vergogna di questa associazione solo per qualche voto in più?) ma come sia possibile che persino di fronte a una tragedia come questa non si abbia quel minimo di decenza necessaria a dismettere almeno temporaneamente la faziosità politica è inimmaginabile.  Salvini è uno che al tempo dell’aggressione nazista all’Italia certamente si sarebbe schierato comunque “contro”  il che vuol dire a favore degli invasori solo per potere tentare di fare sentire la propria voce. Di figuri come questi l’Italia non ha proprio bisogno e se è vero che parla alla pancia di alcuni decerebrati italiani allora è probabile che il ministero della salute abbia bisogno di fare ampia scorta di Alka Seltzer: prima o poi ce ne sarà un grande bisogno.
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Terremoto e pubblicità – 24 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Accendo la TV per conoscere l’immane dramma del terremoto. Si parla di distruzioni, di feriti, di morti di senzatetto insomma di una umanità ferita, distrutta, annientata. Ma ecco che la trasmissione si interrompe: breaking news? No pubblicità. Si materializzano mentecatti dal sorriso ebete che esultano perché indossano una mutandina strizzapipì oppure perché finalmente la protesi dentaria permette loro di aggredire un torrone oppure perché è finalmente arrivata la mattina dopo una notte insonne per problemi di prostata. La pubblicità significa denaro e quindi nella mente mercantile dei manager televisivi ha priorità su tutto anche se i contenuti, insopportabili normalmente nella loro ossessiva ripetitività, sono ignobili di fronte al dolore e al dramma. No: la mutandina che impedisce l’emanazione di odori sgradevoli e i rivoli organici è più importante dei volti stravolti di chi di notte si è trovato per strada avendo perso tutto. Ma sarebbe così complicato includere nei contratti una clausola di salvaguardia che impedisca in casi drammatici un così stridente iato fra la realtà del dramma e il mondo artificiale dei rompiballe pubblicitari?
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Il riciclato – 21 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Tenta di emulare l’araba fenice “che ci sia ognun lo dice dove sia nessun lo sa” fa dire a don Alfonso Da Ponte nel “Così fan tutte”. Ingrigito, incattivito, con quell’aria di chi pontifica nella convizione di avere la verità in pugno per ogni problema, lo sguardo di  commiserazione verso gli interlocutori (nessuno dei quali – secondo lui – è al suo livello), tenta di risollevare la testa ingrigita il vecchietto d’Alema che pur di avere un minimo di visibilità negherebbe persino che due più due fa quattro. Ora, da salvatore inesistente della patria, il suo cavallo di battaglia è il referendum per il quale “convoca” una truppa sgangherata, una accozzaglia di oppositori: pur di far numero accetterebbe anche Salvini, le Pen, Berlusconi e Satanasso. Lui non è mai a favore ma sempre “contro” pur di tentare di dimostrare la sua improbabile superiorità intellettuale in una sorta di delirio solipsistico accompagnato da una sparuta corte di corifei che a mo’ di clientes si presentano con la “sportula” in mano a raccogliere le briciole di un successo solo immaginato.   Ora riesce ancora a fare parlare (raramente) di sè dai giornali che si collocano a destra, un successo che farebbe orrore a qualunque persona seria e coerente. Ecco seria e coerente: due aggettivi che oggi sono antitetici al vecchietto cui deve andare la commiserazione di coloro che nel caos del mondo moderno cercano di tenere la schiena dritta e di salvare il salvabile. Adieu…Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Email ed epistolari – 19 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

La tecnologia ha cambiato profondamente negli ultimi anni i metodi di comunicazione. Ne sanno qualcosa le società di telefonia e le poste che hanno visto diminuire drammaticamente i propri introiti grazie a Internet nelle sue varie forme quali Skype e la posta elettronica (per fare solo qualche esempio). Ma nessuna tecnologia porta unicamente benefici e reca anche conseguenze che globalmente vengono indicate (e tollerate) come inevitabili cambiamenti. Fra questi credo che vada annoverata la sostanziale scomparsa degli epistolari, strumenti letterari fondamentali spesso per conoscere la personalità di tanti personaggi e in particolare di artisti, letterati, uomini di cultura, politici etc. . L’email è uno strumento “usa e getta” dove viene premiata la rapidità e la concisione e per il quale la facilità di impiego porta come conseguenza l’assenza di qualità letteraria in favore di una immediatezza nella consapevolezza che comunque si tratta di documento transiente probabilmente destinato rapidamente al cestino. Non esiste più quello sforzo riflessivo che una lettera redatta manualmente imponeva sia per la rarefazione dello scambio sia per il fatto che si era consapevoli che il documento sarebbe stato conservato. E’ possibile che molte delle informazioni contenute un tempo nelle lettere possano essere desunte da altre fonti ma di certo viene a mancare quella veste letteraria  che faceva degli epistolari un genere letterario dotato di propria validità individuale. Una perdita di certo che non appare assolutamente compensata da altri strumenti. Con un rimpianto non secondario.
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Maturità – 17 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Meravigliarsi per le percentuali di 100 e lode alla maturità al sud è scoprire l’acqua calda. Le ragioni sono anche troppo semplici. In primo luogo il metro di giudizio al nord e al sud è diverso e bisogna ammetterlo. Ma soprattutto va ricordato che dal momento che le commissioni sono formate sostanzialmente dagli stessi insegnanti i risultati degli alunni vengono in qualche modo collegati alla qualità dell’insegnamento: insomma più promossi=migliori insegnanti. Una formula perversa che si ritrova purtroppo anche nelle università. Ad esempio a Bologna abbiamo avuto un prorettore  (mancato rettore) che in modo maniacale verificava le percentuali di promossi sanzionando in qualche modo i corsi con i risultati peggiori. Peccato che molti docenti per evitare questo largheggiassero con i voti danneggiando di fatto i docenti più rigorosi e quindi con risultati percentualmente peggiori (a parità di qualità dell’insegnamento). Niente viene invece fatto per verificare in modo chiaro e oggettivo la qualità degli insegnamenti essendo l’unico metro … quello della soddisfazione degli studenti, ovviamente più favorevoli a insegnanti meno esigenti. Nessuno verifica che cosa effettivamente viene insegnato facendo scambiare la libertà di insegnamento con l’arbitrio dei contenuti. Nessuna verifica sui programmi (si assegna un corso con un nome e poi amen), sui metodi didattici, sugli strumenti audiovisivi, sui lucidi, sulle dispense etc. etc. E se qualche docente alza il dito allora scatta l’omertà accademica e il docente in questione viene emarginato. E va anche ricordato che una sciagurata legge attribuisce la carriera solo alla ricerca (come se essere bravi ricercatori volesse dire essere bravi insegnanti!) di modo che i giovani considerano l’insegnamento una incombenza da sbolognare nei tempi più rapidi e con la minore fatica. Tornando alla maturità è ovvio che un metodo esisterebbe: ritornare alle commissioni sorteggiate e provenienti da altri istituti. Ma siccome questo costa e molti insegnanti considerano concluso il loro compito con gli scrutini e l’eventuale spostamento per gli esami una sorta di punizione non se ne fa nulla. E allora bisogna meravigliarsi dei risultati?
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Vacanze – 15 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Veniamo sommersi da un battage pubblicitario martellante che propone mirabolanti offerte vantaggiose per alberghi a prezzi sempre più stracciati. Interessante, ma cosa c’è dietro e soprattutto quale garanzia viene offerta? Posso offrire la mia esperienza. Tramite booking.com (il sistema di prenotazioni online più diffuso) mi viene offerto un hotel a Pietrasanta al prezzo “leggero” di 180 (centoottanta) euro per notte. Sarà un hotel di alta categoria, penso ovviamente. Si rivela uno squallido BB dove manca l’acqua calda, il WiFi funziona a intermittenza, NESSUNO è presente durante il giorno (sic!), alle 14 la camera non è ancora stata fatta, i posaceneri sono sporchi etc. e – audite audite – NON hanno il POS e quindi vengo obbligato a pagare tre notti in anticipo via bonifico. Non mi viene rilasciata e/o inviata neppure la fattura. Dopo un giorno abbandono la topaia e mi trasferisco nell’unico hotel che ha una camera. Protesto con booking.com e sostanzialmente mi viene detto che loro agiscono solo come intermediari e quindi …. Ai miei ulteriori messaggi non rispondono. Protesto con l’agenzia turistica di Pietrasanta (che “scopre” che il BB le è ignoto e che manderà la polizia municipale ma poi non se ne sa più nulla…) e con il sindaco che mi risponde papale papale che la colpa è mia che non mi sono premunito informandomi prima presso l’agenzia turistica…. Insomma tutti se ne fregano e io vengo defraudato di 540 euro senza che nessuno muova un dito al grido “chi ha avuto ha avuto” etc. Mi è solo rimasto un esposto che ho fatto alla GdF per la mancata fattura ma anche quello finirà in cavalleria. Insomma ancora una volta i truffatori la fanno franca sotto l’occhio disinteressato delle istituzioni. Meditate gente, meditate..
PS ogni giorno sul mio computer appare un popup in cui mi viene ri-proposto da booking.com il BB in questione come una maledizione da cui non riesco a liberarmi. Danno e beffe.
PPS finalmente booking.com mi ha risposto proponendomi un rimborso di 180euro: meglio di niente…Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (
often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Scuole – 10 Agosto 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

I giornali di opposizione e i relativi partiti sono pieni in questi giorni delle lamentele degli insegnanti per l’assegnazione alle relative cattedre, spesso molto distanti dai luoghi di residenza. Comprensibile sul piano umano ma inaccettabile su quello amministrativo. Come ha giustamente segnalato A.Stella sul Corriere odierno, se la percentuale maggiore di cattedre è al nord e la maggioranza degli insegnanti al sud la cosa è inevitabile. A questi insegnanti lamentosi e abituati alla protezione di un sindacato vieppiù corporativo andrebbe ricordato che la stessa cosa avviene per i docenti universitari (che mai si sono lamentati della cosa) con una differenza: gli universitari, una volta abilitati, debbono fare domanda presso le università che hanno bandito i posti del loro raggruppamento concorsuale (gruppi di materie) e vengono scelti sulla base delle loro referenze (leggasi CV). E se entro due anni non vengono scelti la loro abilitazione decade! Una prassi che sarebbe auspicabile anche per le scuole ma che farebbe aprire le cateratte del cielo se le scelte fossero affidate a una selezione locale e non a un algoritmo anonimo. Scardinare un sistema malato ma consolidato è sempre un’impresa titanica ma se si vuole modernizzare un paese costantemente arretrato bisogna adeguarsi a standard internazionali. Con buona pace del solito comico, politico “di lato”, che naturalmente con il tipico atteggiamento populista cerca di ottenere voti dalla pancia degli insegnanti.Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard