Uncategorized

Il perdono – 27 Dicembre 2020


 Non profit banner

Non profit banner

Alle scelleratezze …
… di quel mai sufficientemente infamato essere che ancora occupa la casa bianca trasformata in un bordello privato di casa, che una massa di deficienti americani ha votato come presidente della più potente nazione del mondo, quello che detiene la valigetta “fine del mondo”, che ruba ai poveri per dare ai ricchi, che per interesse dei suoi sostenitori che inquinano si è ritirato dall’accordo di Parigi sulle emissioni, che sostiene tutti i peggiori regimi dittatoriali del mondo, che ha nominato giudici della sua ideologia ovunque possibile, che le donne le prende per la …, e chi più ne vuole piú ne metta, adesso si sta esibendo nella distribuzione a pioggia di perdoni presidenziali a malfattori e assassini (Irak) e probabilmente, prima della fine del mandato, perdonando anche sé stesso (autoproponendosi persino per il nobel per la pace – alla spudoratezza non c’é veramente confine). Il meccanismo di transizione dei poteri previsto dalla costituzione americana per un trapasso (troppo lento!) di poteri ordinato e senza traumi, nelle mani di questo figuro viene ogni giorno trasformato in un mezzo per perpetrare le ultime (si spera) e finali nefandezze. Ma nei 25 giorni che mancano all’insediamento di Biden c’è tutto il tempo per peggiorare – se mai possibile – il palmarés delle sue malefatte. A cominciare dalla marcia dei suoi sostenitori che si terrà il 6 gennaio, giorno della convalida del voto da parte delle camere e che sarà trasformata in un’occasione di violenza fomentata dall’uomo dalla zazzera arancione a finire con il suggerimento (da chi ispirato…?)  di uno dei suoi complici di attuare un colpo di stato usando l’esercito per sovvertire il risultato delle elezioni. Le convulsioni di un figuro al termine del suo mandato, che il suo stesso staff guarda con terrore, sforzandosi di tenerlo a bada, possono portare a qualunque, anche la peggiore, catastrofe. E nel silenzio della maggioranza di senatori e deputati repubblicani che non si vergognano di essergli associati trasformandosi così in suoi complici. Sará sufficiente il meccanismo burocratico-amministrativo americano per prevenire e impedire le peggiori conseguenze? E qualcuno si ê mai augurato come soluzione i “mezzi estremi” suggeriti dal grande inquisitore a Filippo II nel Don Carlos?
(Giovanni Neri –75)

Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

Per iscriversi a Bertoldo e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato visualizzare il breve filmato in formato MP4 che si ottiene clikkando sul cerchio rosso sottostante. Selezionare le opzioni che portano a “follower con email”.

Leggi anche Kurvenal. il sito delle recensioni musicali

Qualche iscritto ha segnalato di non ricevere le notifiche via email della pubblicazione dei nuovi posts. Controllare i messaggi nello SPAM  o „posta indesiderata“.

NB Poiché qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

8
Standard

Chi legge un post o scrive un commento si iscriva (se non è già iscritto). L'iscrizione NON comporta nulla ma il numero degli iscritti è l'unica gratificazione per la gestione del blog)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.