Alle solite – 31 Agosto 2019

Non profit banner

 

Probabilmente ha ragione,,,

… Calenda: l’alleanza giallo-rossa è un disastro da evitare. Se si comincia con degli ultimatums – come quello dell’ “azzimato” – si finisce nel ridicolo: siamo nella classica situazione del bue che dà del cornuto all’asino.  Ma per non affrontare per l’ennesima volta lo stesso argomento credo che potrebbe essere interessante analizzarlo da un’altra prospettiva. Sul “Corriere” di oggi viene pubblicata una lunga lettera di una signora bolognese che riprende i temi affrontati da Galli della Loggia sulla scuola. La fotografia che ne viene fatta è impietosa: una scuola che ha ormai abdicato al proprio compito di  educatrice e selezionatrice (non parlo della scuola dell’obbligo, ovviamente) nella quale ai docenti viene impedito di svolgere il proprio ruolo, in nome di un malinteso equalitarismo  fomentato da genitori che anziché contribuire alla formazione svolgono sempre più spesso il ruolo di avvocati difensori dei propri figli, anche e soprattutto se somari come se la colpa dell’ignoranza fosse sempre dei professori e non degli studenti.  (Il dibattito sui compiti a casa e il sabato è semplicemente “lunare”). Ho svolto il ruolo di professore all’università e non ho mai avuto remore nel bocciare chi non aveva studiato, convinto che insegnare e valutare fossero i compiti inalienabili per i quali ricevevo lo stipendio. Confrontare i criteri di giudizio oggi vigenti con quelli delle scuole che ho frequentato come studente sarebbe persino ridicolo. Raccontare oggi alle giovani generazioni cosa era la scuola degli anni ’50-’80 serve solo a fare sbarrare gli occhi e generare un senso di incredulità.  Eppure quanto ho imparato e quanto ancor oggi mi serve per “navigare” fra gli uomini! Era una scuola dura, talvolta anche ingiusta, ma nella quale i ruoli dei professori e degli studenti erano ben distinti e che formava culturalmente. Si dirà: ma che c’entra tutto questo con la franante colazione giallo-rossa? Si guardino i curricula dell’azzimato e dell’energumeno: nessuno dei due è neppure riuscito a prendere una straccio di laurea e hanno vissuto comodamente di “politica” nel senso peggiore della parola, dimostrando a ogni piè sospinto la loro ignoranza a partire della grammatica per finire alla geografia e alla storia etc. Gentaglia che avrei bocciato ripetutamente senza remore e di cui liberarsi al più presto. E se rappresentano il comune sentire di un elettorato altrettanto ignorante non è certamente questo un motivo per accettare che pretendano di governare e rappresentare “il popolo”: il populismo è per sua natura ignoranza al potere e allora bisogna ribellarsi correndo il rischio di venire tacciati di elitarismo se questo è  il prezzo  da pagare per un bene superiore. “Odi profanum vulgus…”: un verso che preso nel “verso” giusto è un programma politico. Un partito al quale sono da sempre e sempre sarò iscritto. (Giovanni Neri)
PS Per chi non ne fosse esperto, l’accesso alla pagina facebook di Bertoldo “Per l’Europa” richiede  preventivamente l’iscrizione (un “profilo” nel gergo del sito) su facebook.
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Bertoldo e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato visualizzare il breve filmato in formato MP4 che si ottiene clikkando sul cerchio rosso sottostante. Selezionare le opzioni che portano a “follower con email”.
Qualche iscritto ha segnalato di non ricevere le notifiche via email della pubblicazione dei nuovi posts. Controllare i messaggi nello SPAM  o „posta indesiderata“.

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Il sito di Bertoldo, oltre a ospitare i posts e i commenti “ufficiali” degli estensori, riserva anche un “Angolo” per le opinioni personali. Questo è il significato di “L’angolo di Neri” (così come potrà esserci “L’angolo di Santarelli”) che in nessun modo riflette le opinioni generali di Bertoldo.
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.