Malattia e medicina – 4 giugno 2019

Non profit banner

 

Da un lato..

….ci sarebbe da ridere nel vedere annaspare nell’incertezza un premier che mendica un minimo di rispetto del suo ruolo dai due vice-premiers (uno in particolare) che lo bullizzano quotidianamente. Dall’altro ci sono le lacrime per un paese ormai alla deriva, isolato politicamente nel contesto europeo, in procinto di un disastro finanziario mentre i responsabili ballano sulla tolda e immerso in un’aura di fascismo di cui le manca solo il nome. Bertoldo non ha come sua prerogativa quella del “tanto peggio tanto meglio” nell’attesa di una catastrofe da cui catarticamente rinasca il paese ma si batte perché l’Italia abbia quel ruolo che la sua storia, la sua cultura e la sua economia debbono garantirle. Ma perché questo avvenga sono necessarie personalità forti (insomma non come Conte) in grado di raddrizzare la barra e spiegare in modo convincente a quella massa di elettori che hanno votato in modo suicida l’energumeno, che non ci sono ”free lunches” e che il dibattito non può ridursi a uno scambio di accuse su chi è responsabile del disastro ma deve concentrarsi sulle cose da fare e sulle pillole amare che se non verranno autonomamente prese saranno imposte da forze esterne (la troika per esempio). Bisogna spiegare che l’Italia NON è un paese autosufficiente, che deve importare materie prime pagate in valuta pregiata (paghiamo il petrolio con i minibot? O con i soldi del Monopoli?) e che quindi è obbligata a fare parte appieno del consesso europeo e mondiale e che non può basare la propria politica su nani economici internazionali quali l’Ungheria (o addirittura l’Albania!). Sembra che la maggioranza degli italiani non voglia rendersi conto della malattia del proprio paese e delle medicine che volente o nolente deve assumere. Bearsi di piccoli vantaggi che non producono sviluppo (quota 100 e reddito di cittadinanza e ora addirittura “flat tax”) vuol dire semplicemente prendere una pillola sintomatica senza curare la malattia con gli esiti che chiunque dovrebbe capire.  Non è facile oggi farsi alfiere di una scomoda verità ma nell’ambito delle sue modeste possibilità Bertoldo non smetterà di tenere alta la bandiera della serietà nella speranza che prima o poi qualcuno la raccolga. Viva l’Europa.

PS Per chi non ne fosse esperto, l’accesso alla pagina facebook di Bertoldo “Per l’Europa” richiede  preventivamente l’iscrizione (un “profilo” nel gergo del sito) su facebook.
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Per iscriversi a Bertoldo e ricevere un messaggio email ogni volta che un nuovo post è pubblicato visualizzare il breve filmato in formato MP4 che si ottiene clikkando sul cerchio rosso sottostante. Selezionare le opzioni che portano a “follower con email”.
Qualche iscritto ha segnalato di non ricevere le notifiche via email della pubblicazione dei nuovi posts. Controllare i messaggi nello SPAM  o „posta indesiderata“.

NB Poichè qualcuno ha avuto difficoltà nell’iscrizione il filmato è stato aggiornato per renderlo più comprensibile!!!!

Il sito di Bertoldo, oltre a ospitare i posts e i commenti “ufficiali” degli estensori, riserva anche un “Angolo” per le opinioni personali. Questo è il significato di “L’angolo di Neri” (così come potrà esserci “L’angolo di Santarelli”) che in nessun modo riflette le opinioni generali di Bertoldo.
Standard

Una risposta a "Malattia e medicina – 4 giugno 2019"

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.