Spigolature

Odiatori – 9 Ottobre 2018

Non profit bannerNon profit banner

Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
Blog
Leggete anche il blog di recensioni musicali Kurvenal
Credo…

… che tutti dovrebbero leggere la lettera pubblicata da C. Augias su Repubblica di oggi. Il sig. Tommaso Merlo (che si firma con tanto di indirizzo e-mail) sfoga il suo livore nei confronti della stampa libera augurandole una morte imminente. Poco importa che denunci la sua ignoranza dei fatti (ad esempio il finanziamento all‘editoria): quello che importa è il tono da seminatore di odio contro chi non si adegua al potere politico attuale. Il sig. Merlo non appartiene a quella massa di incolti che infestano i social. Scrive in un buon italiano, denuncia quindi un buon grado di istruzione ma è accecato dall‘odio nei confronti dell‘opposizione e si augura – come fanno tutti i figuri che purtroppo devastano la scena politica internazionale –  che le voci di dissenso siano fatte tacere per sempre.  L’opposizione come malattia da debellare. E tanto è più forte l‘odio quanto più risulta evidente (non sulla stampa italiana quanto su quella internazionale) la follia di un governo che sta mandando in malora l’Italia. E penso che riportare sui giornali le vibrate proteste dei genovesi (che cacciano a furor di popolo dalla manifestazione la rappresentante leghista) contro un governo applaudito solo un mese prima apparirà al Merlo disfattismo da pennivendoli. La realtà obbliga invece le menti obnubilate da irrealizzabili promesse a svegliarsi dal sonno della ragione e a prendere coscienza che i pifferai sono tali se impiegano un mese a nominare il sindaco di Genova a commissario per il ponte quando una decisione così ovvia poteva essere presa un mese prima. Roba da dilettanti da avanspettacolo. Chissà se il dissesto economico servirà a quella maggioranza di italiani che sostiene il governo a risvegliarsi come hanno fatto i genovesi. Sperando che non sia troppo tardi. Non sono le elezioni europee vinte eventualmente dalla destra a risolvere i problemi economici del governo. Sono i mercati che ne determinano i destini, mercati che non sono nè rossi nè verdi e che delle elezioni se ne infischiano. Cosa che dovrebbe capire anche un bambino ma non i gialloverdi. Neonati, insomma, con evidenti malformazioni cerebrali.
PS Metto le mani avanti. Qualcuno potrebbe eccepire che anche io appartengo alla categoria degli “odiatori” per i miei (pochi peraltro) posts contro il quotidiano Libero. Non è così: non ho mani considerato – ad esempio – il Giornale un quotidiano da ostracizzare quando attaccava i governi dei sinistra. Un avversario non un nemico. Nel caso però di Libero ci troviamo quotidianamente in presenza di articoli spazzatura più adatti a social da suburra che a un quotidiano degno di questo nome. Credo che anche coloro che sono miei avversari possano consentire che Libero è semplicemente ignomignoso e la controprova è stata la conduzione alla radio di Prima Pagina da parte del direttore Senaldi che ha disonorato la trasmissione rendendosi spesso anche ridicolo per la sua faziosità e dilettantismo (come mi è stato da più parti riferito anche – ad esempio – in occasione del titolo sul colera a Napoli).
PPS Bertoldo ha 49 followers, un numero da sballo …. (e un numero un po’ superiore di lettori non iscritti) … ma la cosa interessante è che i followers di Kurvenal sono in numero di  gran lunga superiore (nulla, ovviamente, rispetto ai milioni di Chiara Ferragni. Ci sarebbe da vergognarsi.. di Chiara Ferragni) e che sui posts di Kurvenal – all’inizio – c’è l’invito a leggere Bertoldo.  Ora è ben chiaro che ciascuno legge quello che gli pare ma sorge il dubbio che le opinioni di Bertoldo non siano condivise da moltissimi lettori di Kurvenal! Poichè si può presupporre che questi appartengano a uno strato di popolazione decisamente acculturato se ne può desumere che abbiano idee diverse o, ancora peggio, appartengano a quella fascia di popolazione che non vuole far sapere di interessarsi a Bertoldo e alle sue idee. Supporters più o meno espliciti del governaccio gialloverde. Un fenomeno molto desolante che si verifica anche con Kurvenal al grido “non voglio far sapere che leggo Kurvenal perchè tengo famiglia“: chi tocca Kurvenal muore  !  Ma Kurvenal viene letto – e come! e i numeri degli accessi lo provano – ma non si deve dire… Insomma il tipico atteggiamento da furbastri italiani degni delle satire di Totò che tirano il sasso e nascondono la mano, quelli su cui contano i vari Salvini & Co. Forse debbo smettere con Bertoldo: magari scriverò dei posts (uno sfogo personale) ma li terrò per me e non li pubblicherò.
Molti lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla), che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato.
N.B. Bertoldo é ospitato in un sito WordPress  gratuito. Pertanto ha uno spazio limitato ed é per questo che sono obbligato a chiedere che i commenti siano limitati a poche parole altrimenti saranno automaticamente cassati. Grazie per la vostra comprensione. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!

IMG_5597

Annunci
Standard

6 risposte a "Odiatori – 9 Ottobre 2018"

  1. Roberto Barilli ha detto:

    Corriere della Sera di cui oggi pag. 7, per la precisione: chi avesse comperato a maggio BTP per un controvalore di € 10.000 e li vendesse oggi ricaverebbe € 8.500.
    Questo ad oggi, ma sicuramentele le cose peggioreranno quando peggiorerà lo spread, è il risultato della folle corsa allo sfascio (per ora solo economico…..) delle scelte governative.
    Senza commento.
    Con il solito plauso, per niente scontato ne dovuto, al prof. Giovanni Neri per questa isoletta di resistenza civile che porta avanti con entusiasmo (e fatica).
    Grazie!

    Mi piace

      • Roberto Barilli ha detto:

        Possiamo poi aggiungere che chi, nostrano o straniero, istituzione o non, ha comperato quei titoli che fanno parte del debito italiano sarà molto molto scontento.
        E siccome i BTP, per restare in tema, hanno durate molto lunghe figuriamoci che cosa dovrà assicurare in termini di rendimenti quando si dovranno mettere sul mercato altri lotti di titoli.
        Una follia di cui si spera ‘la ggente’ che vota o non ha votato comincerà a riflettere.
        Poi in mezzo a loro c’è un anziano signore di professione ministro a nome Paolo Savona al quale, con tutta evidenza, non frega niente di quello che succede e sproloquia di cigni neri, come fossimo a teatro.

        Mi piace

  2. andrea bassoli ha detto:

    Sono tra i 49 followers.
    Anche se spesso non condivido le opinioni di Bertoldo, non vedo ragioni di non seguirle, leggerle o criticarle (come è successo).
    Non smetta, continui così.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...