Spigolature

Orbàn – 11 Settembre 2018

Non profit bannerNon profit banner
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links
BlogCon la velocità di un bradipo  ….
Leggete anche il blog di recensioni musicali Kurvenal 
.. pare (dico pare) che l’europarlamento si stia accorgendo che nella comunità europea si annidano nazioni indegne di un consesso civile, nelle quali leggi spudoratamente fasciste limitano (quando non impediscono) la libertà di stampa, mettono sotto tutela i giudici (quelli dell’alta corte sono nominati dal governo, non dal parlamento), rifiutano di sottostare alle leggi e alle direttive dell’Europa ma incassano senza pudore contributi colossali. E’ il caso della Ungheria, ma anche quello della Polonia, della repubblica Ceka etc. Ma venendo al caso di Orbàn finalmente il parlamento europeo avrebbe la possibilità di battere un colpo con una votazione che si annuncia però incerta perchè una fronda non insignificante di euroscettici (come se in un’organizzazione vegana sedessero rappresentanti dell’industria delle carni) potrebbe votare contro. Paradosso di un’Europa che ha smarrito il senso della sua esistenza e che nelle sue clausole non prevede l’espulsione di un paese per manifesta indegnità. In questa ignominia svetta il nostro ministro dell’interno, l’energumeno che con Orbàn ha una corrispondenza di amorosi sensi e che non ha nessuna vergogna a mostrarsi in pubblico abbracciato a quell’indegno primo ministro. Ma in un’Italia che ha sofferto sulla propria pelle il fascismo, la tragedia della guerra, la distruzione del paese, la vergogna delle leggi razziali (si ricordi bene controfirmate dal re “sciaboletta”) il 32% (secondo i sondaggi) approva l’operato dell’energumeno incurante persino dei possibili reati commessi e della malversazione di fondi pubblici, quasi fossero le stimmate di una santità alla rovescia. Qualcuno potrebbe spiegare a me, che ormai non ho più gli strumenti intepretativi, cosa significa oggi, in Italia, la democrazia?
Molti lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla), che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato.
N.B. Bertoldo é ospitato in un sito WordPress  gratuito. Pertanto ha uno spazio limitato ed é per questo che sono obbligato a chiedere che i commenti siano limitati a poche parole altrimenti saranno automaticamente cassati. Grazie per la vostra comprensione. In base alla nuova normativa chi si fosse iscritto e desidera de-iscriversi è sufficiente che mi invii un messaggio e-mail
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!

IMG_5597

Annunci
Standard

5 risposte a "Orbàn – 11 Settembre 2018"

    • Qui non si tratta di strapazzare la democrazia ma di prendere atto che nella nostra società ha perso larga parte del suo significato. Qui non regna il potere dei cittadini ma quello dei social media che finiscono per fare emergere i sentimenti più retrivi di parte della popolazione. Non credo che sia necessario ricordare quanto hanno scritto Norberto Bobbio o Jason Brennan per capire che siamo in presenza di una stortura che premia proprio coloro che proprio combattono contro il concetto vero di democrazia (e con successo!). Non si può chiudere gli occhi di fronte alla degenerazione che ogni giorno è davanti ai nostri occhi. E – si noti – il potere di scelta viene di fatto delegato a coloro che per primi saranno vittime di coloro per cui hanno votato. Discutere di democrazia non vuol dire essere antidemocratici (troppo facile!) ma solo prendere atto di una degenerazione alla quale bisogna opporsi con tutti i mezzi e senza falsi pudori. Forse sarebbe bene ricordare che Hitler e Mussolini (pur in situazioni diverse) vinsero le elezioni perchè la maggioranza degli elettori li votò. Ora fino a quando le elezioni si svolgono in clima “corretto” la democrazia esprime il suo potenziale positivo ma oggi la situazione non è più “corretta” e quando una malattia è esplosa è necessario prenderne atto e accettare – se non di curare – almeno di discuterne nella speranza che dalla discussione nascano idee. Non è chiudendo gli occhi di fronte a una metastasi che il tumore si cura, come proposto dai malfattori che propongono di curare la malattia con l’acqua come espressione di disagio psicologico, lasciando morire i decerebrati che loro si affidano. Io non ci sto e a costo di essere tacciato di antidemocratico levo la mia flebile voce rivendicando il diritto alla critica. Naturalmente accettando a mia volta di essere criticato. Ma non sulla base di una generica difesa di un istituto che è nato in contesti diversi e che come ogni istituzione umana ha un’urgente necessità di un “tagliando”. Solo con argomentazioni non partigiane ben sapendo che quanto da me affermato è condiviso da molti di coloro che ufficialmente non possono permettersi di affermarlo.

      Mi piace

  1. Roberto Barilli ha detto:

    “Qui non regna il potere dei cittadini ma quello dei social media che finiscono per fare emergere i sentimenti più retrivi di parte della popolazione”.
    Già, il punto è proprio questo e il M5S se ne è accorto in anticipo. Con molto anticipo e con un megafono di eccezionale portata.
    Io credo che ora, fra le altre strategie, sia necessario mettere un poco da parte stili british di fare opposizione (conosco e stimo tantissimo Sandra Festi e temo non sarà d’accordo…..) e picchiare durissimo. Al momento l’unico che ci si cimenta è Matteo Renzi e per questo continuo a stimarlo, Antonio Macaluso permettendo: il riferimento è a suo intervento sul ‘Corriere’ di oggi in cui sostanzialmente non dice niente. Anzi avrebbero potuto pubblicare una mezza pagina bianca con in fondo solo la sua firma, che avrebbe fatto una migliore figura!
    Molto molto efficaci i silenzi di Orlando, quello che un giorno si e un’altro pure ai bei tempi non perdeva occasione di dire la sua.
    Mi pare che sia letteralmente sparito dall’orizzonte: un caso da segnalare a ‘Chi l’ha visto’

    Mi piace

  2. Roberto Barilli ha detto:

    ….. e solo a titolo di microesempio (sempre a proposito del web nelle sue forme più ampie e del potere che esercita…) cito una causa vinta da Tripadvisor per una recensione scritta con un nominativo fittizio condannata dal tribunale di Lecce. Dove è emerso che (scrive Tripadv) “……. dal 2015 abbiamo bloccato le attività di più di 60 aziende di recensioni a pagamento nel mondo“.
    Siamo messi così, insomma, e solo nel piccolo mondo delle recensioni, figuriamoci il resto, piattaforma Rousseau compresa
    Mica facile recuperare il contatto con la gente quando ci sono di mezzo realtà di questo genere.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...