Spigolature

Il lacché – 11 Giugno 2018

Non profit bannerNon profit banner

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

Se qualcuno aveva ancora dei dubbi

sullo spessore del nuovo premier, la vicenda della nave dei disperati palleggiata fra due governi fascisti è emblematica. In quale organizzazione, società, circolo culturale, bocciofila uno dei membri potrebbe prendere decisioni così gravi senza che il “capo” prendesse in mano la situazione rivendicando il proprio ruolo di comando? Vogliamo credere che la questione sia di così infimo valore da non richiedere l’intervento del  travicello dal curriculum taroccato? La realtà è un’altra: Conte non vale  nulla, non ha alcuna dignità (al posto suo avrei convocato il  ministro, l’avrei opportunamente cazziato, avrei rivendicato in pubblico il mio ruolo e – ove necessario – mi sarei dimesso). Io, non il risibile ectoplasma collocato a palazzo Chigi che ricorda quei soprammobili inutili che nessuno nota e che al bisogno vengono riposti in cantina senza che nessuno se ne accorga. Ma che fa questo premier inesistente (peccato cha Calvino sia scomparso: ne avrebbe fatto il protagonista di una delle sue storie)? Tronfio per un invito alla white house dalla porta di servizio, scodinzolando per la felicità,  in virtù della sua caratteristica di esserino che non fa danno, telefona al premier maltese e viene trattato per quello che è, ovvero una nullità cui sbattere in faccia la cornetta. Nel silenzio poi di quella masnada di ciarlatani che sono i pentastellati. Qualcuno ha ancora dei dubbi su chi sia il vero premier in Italia? Quando l’energumeno trasformerà l’aula sorda e grigia del parlamento in un bivacco per i manipoli delle sue camicie verdi nel silenzio ridicolo del giovin signore e nel disinteresse imbelle di un cosiddetto partito di opposizione che vive solo delle proprie faide interne? Fra l’esultanza di tutti gli imbecilli che lo votano e che mi ricordano gli stessi imbecilli che a piazza Venezia esultavano per la vile entrata in guerra contro una Francia devastata da Hitler (“per avere un pugno di morti da sbattere sul tavolo alla fine della guerra vinta” – secondo il mascellone) salvo ritrovarsi 5 anni dopo con l’Italia distrutta e miloni di morti da piangere. Molti dei miei (rarefatti) lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla), che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato.
N.B. Bertoldo é ospitato in un sito WordPress  gratuito. Pertanto ha uno spazio limitato ed é per questo che sono obbligato a chiedere che i commenti siano limitati a poche parole altrimenti saranno automaticamente cassati. Grazie per la vostra comprensione.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!

IMG_5597

Annunci
Standard

2 risposte a "Il lacché – 11 Giugno 2018"

  1. Andrea Bassoli ha detto:

    Vorrei ricordare ai lettori che nel governo precedente il ministro degli interni tentò di chiudere i porti alle navi delle ong ma si dovette fermare per l’intervento dell’altro ministro competente sui porti (pieno di carità cattolica). La querelle si svolse nell’indifferenza dell’allora primo ministro che in fatto di sottomissione agli ordini altrui è ancora imbattuto (leggasi, ma è solo un esempio, fiducia su una legge elettorale di iniziativa parlamentare).
    Nonostante il (non sempre) disaccordo, continuo a leggere il blog assiduamente.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...