Spigolature

Le mele marce – 12 Dicembre 2017

 

Non profit bannerNon profit banner

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
E’ del tutto ovvio che non esistono istituzioni che non abbiano le proprie mele marce. Purtroppo, purtroppo il nostro parlamento ne è infestato e ormai sperare in anticorpi endogeni è come sperare nell’araba fenice. Basterebbe pensare che a capo di un partito che sta guadagnando consensi (a scapito di un altro partito capeggiato da un energumeno razzista e fascista) c’è un pregiudicato è sufficiente per capire da un lato come il concetto di moralità e correttezza stia ora sfumando in una sorta di secondo tribunale nel quale il furto perpetrato con l’evasione fiscale sia ormai considerato un piccola marachella quando non una virtù (da quegli stessi che poi si lamentano del debito pubblico e delle sue conseguenze) e dall’altro come l’elettorato sia composto nella larga maggioranza da decerebrati cui interessa solo il calcio e i programmi di intrattenimento (panem – poco – et circenses) e  abbia come propria unica aspirazione il danaro comunque lucrato. Poiché il parlamento come tale è incapace di espellere autonomamente gli indegni  l’unica istituzione su cui i poveri cittadini onesti (cui mi onoro di fare parte) potevano contare era la magistratura. Ora salta fuori il caso del giudice Bellomo che – stando a quanto riportano i giornali – esibiva come propria virtù quella del conquistador sciupafemmine e che solo la denuncia di un genitore ha fatto venire alla luce. E i colleghi che facevano? Guardavano e invidiavano in un silenzio complice e omertoso? E come mai nessuno, dico nessuno di loro ha espresso pubblicamente il suo sdegno? Ecco come docente mi immagino cosa succederebbe se nei miei corsi richiedessi alle mie studentesse minigonna e tacchi (oltre ad altro) per una promozione.  Sia chiaro in alcuni casi l’ “offerta” esiste ma va in ogni caso respinta con sdegno e quando possibile sanzionata. (Addirittura per sicurezza quando una studentessa viene al ricevimento le chiedo di lasciare la porta aperta a scanso di malintesi. Ci sono stati anche casi di studentesse che hanno millantato inesistenti  molestie come vendetta per una bocciatura). Verrebbe giù giustamente il mondo e nei pochi casi in cui questo mercimonio si è verificato (anche nell’università ci sono mele marce) sono stati presi severi provvedimenti. Di fronte a tutto questo quale fiducia si può avere in una istituzione che i panni non se li lava neppure in famiglia e che ha invece il potere di regolare la nostra vita e di sanzionare anche in modo grave il nostro comportamento? Sex and money make the world go round…
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.
PPS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Se vi siete già iscritti al blog Kurvenal per favore re-iscrivetevi anche a questo. Grazie anticipatamente.

Sad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

Una risposta a "Le mele marce – 12 Dicembre 2017"

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Le molestie sessuali – vere o presunte – sono di moda. Tutto fa brodo (soprattutto gli argomenti in odore di sesso che fanno attizzare ricchi e poveri) per distrarre l’ attenzione da come siamo messi.
    Dispiace che l’ episodio di cui parla lei, gentile Professore, sia venuto alla luce solo dopo la denuncia del padre (del padre!!???) di un aspirante magistrato. Questo non promette molto riguardo la tempra e l’ onestà ed il futuro in Magistratura della signorina in questione per non parlare delle altre che hanno taciuto e si sono adeguate.
    Fino a quando si taceranno – per comodità, opportunismo, timidezza – gesti di questo tipo, non se ne arriverà a capo. Dovrebbe valere, per crimini come questo, ciò che si recita ai matrimoni: parli ora o taccia per sempre.
    Eh, sì: parlare solo “dopo”, addirittura dopo 20 anni, senza uno straccio di prova, giusto per un po’ di pubblicità o chiudere qualche conticino, dovrebbe portare ad essere incriminati per complicità e non alla copertiuna di Times.
    Giusto per rispetto a chi non si è adeguata o è stata costretta ad abbassare il capo per (vera) fame. Altrimenti andrà a finite tutto, come sempre, a tarallucci e vino.

    (Fa benissimo a tenere la porta dello studio aperta, Professore. Alcuni, è vero, gentilmente “ci provano”, ma è altrettanto vero che ancor più spesso “ci provano” ragazzotte in cerca non solo di un buon voto ma di una borsa di studio, un incarico o quant’ altro… E, purtroppo alcuni Professori, come succede in qualsivoglia ambiente di lavoro, ringalluzziti dal successo che attribuiscono al proprio “fascino” ci cascano…Non si sa quanto consapevoli… Almeno questo ho potuto constatare “ai miei tempi”.)

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...