Spigolature

Egitto – 26 Novembre 2017

Non profit bannerNon profit banner

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
Più di 200 poveri cristi vengono massacrati in Egitto (3 volte il numero delle vittime del Bataclan!!) e la notizia viene data da Repubblica (nella nuova sventurata veste editoriale) nel taglio basso della prima pagina con la cronaca in una pagina interna scomparendo poi il giorno successivo. Pet gli eccidi in europa la ribalta, per quelli in altre parti del mondo solo uno sguardo sfuggente e annoiato come si trattasse di esseri di serie B, molto meno importanti delle quotidiane, stucchevoli polemiche fra Dem e rancorosi fuoriusciti in cerca di seggi. E per gli altri quotidiani la musica non è diversa. Non l’informazione ma lo scoop (di durata variabile in funzione della latitudine) è l’unica regola. Qualcuno ha notizia di Cesare Battisti? Pareva una questione di vita o di morte per l’Italia, un problema di serietà nazionale, scivolato nel frettoloso dimenticatoio del tritacarne giornalistico, affamato di notizie spesso di infimo valore ma  tali da vellicare le curiosità temporanee e non sempre nobili dei lettori. E che dire di Giulio Regeni e della sua coraggiosa madre di cui oggi nessun quotidiano si occupa più? Forse l’unico quotidiano che mantiene una sua coerente linea editoriale e che dedica almeno una volta alla settimana parecchie pagine alla cultura (non quella frettolosa) è il sole 24 ore.  Insomma è il capitalismo che si fa carico di accendere un faro su valori che non siano quelli di una politica da paese dei balocchi o di eventi del livello di x-factor o del nuovo libro di Veltroni, quello che dopo la fase politica doveva andare in africa da missionario laico (uffa, che noia!). Food for thought…
eìPS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.
PPS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Se vi siete già iscritti al blog Kurvenal per favore re-iscrivetevi anche a questo. Grazie anticipatamente.

Sad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

One thought on “Egitto – 26 Novembre 2017

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Si pubblicano solo le notizie che servono e nel modo che conviene. I media sono dei portatori di interessi che devono orientare ( e distrarre) il sentiment nazionale a seconda del momento.
    Non so se ha notato, gentile Professore, ma da tempo sul domenicale del Sole24 ( il migliore fino a poco tempo fa) stanno aumentando in maniera esponenziale gli articoli scritti da religiosi o che parlano di religione o che recensiscono libri ad argomento religioso…
    A volte una metà dell’ inserto.
    Un vero capolavoro gli articoli dedicati al recente anniversario della Riforma Protestante. Tutti scritti da cattolici (ovviamente) e pieni di colpi bassi, contenevano tra la righe una perfidia rivelatrice di un dissidio non composato, nonostante le finte “aperture”.
    Il tutto travestito da “verità storica” e da obliqua benevolenza. Stile gesuitico, insomma.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...