Spigolature

Scimmiforme – 10 Novembre 2017

7Non profit bannerNon profit banner

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
Commentare il comportamento dell’energumeno scimmiforme che ha preso a testate un giornalista reo di fare domande sgradite sarebbe per le persone un minimo degne di questo nome sarebbe troppo facile. Più difficile è capire perché questi esseri non siano messi in grado di non nuocere. Ad esempio: quali provvedimenti giudiziari sono stati presi contro questo accolito di casa Pound? E’ stato incriminato? E perché non gli sono stati comminati un po’ di giorni in galera per tentato omicidio? E la legge costituzionale che impedisce la ricostituzione del partito fascista dove è finita? Ecco è questo che si domanda chi si illudeva (il passato è purtroppo d’obbligo) che la politica fosse il dibattito civile fra opinioni diverse aventi però tutte come prospettiva teorica il benessere dell’Italia e non solo l’interesse personale e la sopraffazione.  Ma quello di Ostia non è il gesto isolato di uno squilibrato che dopo un po’ di galera avrebbe necessità di un trattamento psicologico obbligatorio: no in quella vergognosa arena che è diventato Facebook (dove da tempo ha cancellato il mio account vergognandomi di essere potenzialmente accomunato a esseri subumani) ci sono decine di decerebrati che apprezzano il comportamento dello scimmiforme. Ecco, questi sono coloro che hanno il diritto di votare mentre per i “likes” inseriti in Facebook dovrebbero essere privati dei diritti civili e messi in condizione di non nuocere. Mi si intenda: lungi da me aspirare a impostazioni dello stato antidemocratiche ma le leggi democratiche che sono a fondamento del nostro stato di diritto sono oggi sfruttate per scopi che nulla hanno a che fare con quelli che erano i loro fini costitutivi. Insomma, sarebbe necessario che con metodi anche muscolari si ricordasse A TUTTI che l’Italia è nata dalle ceneri del fascismo e che le sue leggi andrebbero applicate con severità e non con quel lassismo che è interpretato come tacito consenso a pratiche antidemocratiche.
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.
PPS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Se vi siete già iscritti al blog Kurvenal per favore re-iscrivetevi anche a questo. Grazie anticipatamente.

Sad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

One thought on “Scimmiforme – 10 Novembre 2017

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Non dobbiamo dimenticare che in Sicilia è stato eletto un (ex?) fascista, ma nessuno lo ha ricordato: siamo in tempi nuovi.
    So che la mia tesi non è popolare, ma penso che tutto sia stato prevedibile ed ampiamente previsto. Tutta l’ Europa ( il mondo intero) sta andando verso l’ ultradestra a causa di politiche targate “sinistra”.
    Destra e sinistra sono etichette che non hanno più un senso in questa volontà di globalizzazione, servono solo da luetto per le allodole, a portare anche gli affezionati del colore rosso (sempre meno, ormai) verso i must del finanzcapitalismo globale: un mondo senza frontiere, un pensiero unico, con le differenze culturali – da sempre portatrici di feconda complessità – ridotte a foulards, spaghetti e cus cus. Con merci e persone spostate dove “conviene” , con il lavoro in eternamente sotto ricatto grazie all’ esercito di lavoratori di riserva di marxiana memoria ( la schiavitù è ormai nuovamente una realtà camuffata da “diritto ad emigrare dovunque e comunque e di accogliere ad libitum”) e con gran parte della popolazione che sempre più vive e vivrà di carità (“reddito di cittadinanza”) e quindi ricattabile da chiunque.
    Il modello americano è chiarissimo: uno su mille ce la fa: gli altri, gli “inetti”, si arrangino. Gli ideali dell’ Illuminismo, da sempre combattuti, finalmente sconfitti.

    Dai primi anni ’70 la popolazione mondiale è raddoppiata: da 4 a quasi 8 miliardi in 40 anni. La tecnologia ridurrà ulteriormente il bisogno di mano d’ opera, il nostro Pianeta è un sistema chiuso, si va verso una fase di riscaldamento globale ( con tutto quello che ne consegue) ma di controllo delle nascite nessuno parla, anzi: spostatevi e moltiplicatevi, così l’ Europa dei diritti, costantemente sotto attacco e da qualche tempo in vendita al miglior offerente, sarà finalmente colpita ed affondata. Non è certo la prima volta che le migrazioni di massa vengono usate come arma.
    La lotta di classe ora la fanno gli immensamente ricchi ottimati mondiali, apolidi ed in costante eterogenesi dei fini. Il politicamente corretto e la propaganda religiosa sono le loro armi più efficaci. Sono vincenti da sempre, apparecchiano certezze e speranza di Paradiso; da sempre sono baluardi di identità.
    Da sempre sappiamo, però, di cosa siano capaci, al momento opportuno.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...