Spigolature

La sinistra sinistra a sinistra della sinistra – 11 Settembre 2017

Non profit bannerNon profit banner

 

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
Debbo ancora una volta all’amico e collega F.Santarelli uno spassoso intervento di T.Montanari sull’Huffington Post. Lo definisco tale perché ricorda la tante barzellette sui matti che circolavano alcuni anni fa dove la realtà capovolta era alla base dell’ilarità. Dunque il nostro si inventa una sinistra messianica che non c’è (si veda qui di seguito il manifesto di convocazione dell’assemblea di città)

per votanti che non esistono e per un paese immaginario che non esiste (che pensi di esportare il suo movimento su Marte?). Chi può smentirlo visto che come tutti i futurologi non si farà in tempo a vedere ridicolizzate le loro tesi (ma forse non c’è tanto da aspettare)? (In tema di futurologi bisognerebbe – per chi è del mestiere – leggere le profezie fatte negli anni ’70 sul futuro dei computers.  Roba da Bertoldo – il giornale satirico degli anni ’30). Per carità, sognare e delirare è sempre possibile, ma sulla integrità cerebrale del nostro sorgono fondati dubbi. L’intervento sul giornale (che si può leggere a questo indirizzo) è forse il segno di come una parte (minima, per fortuna) della sinistra ancora una volta sia in preda a una sorta di “delirium tremens” in cui l’elemento di assoluto disinteresse è governare a favore delle classi più disagiate. La rivoluzione è alle porte e la classe operaia rivolterà il paese come un calzino (se non c’è la partita alla televisione). La storia politica è piena di questi farneticanti (chi non ricorda le allucinanti risposte di Vecchietti del PSIUP quando – interrogato – parlava di comitati di quartiere, di soviet etc. in un mondo che del comunismo vecchia maniera aveva fatto una sorta di favola da raccontare ai più piccini). Si noti che il manifesto riportato prevede ben 2 (due!!) ore di comizio seguite poi da un dibattito fino a tarda serata. Spero in un resoconto sul numero di partecipanti (ma forse ne avrò una indicazione di prima mano vivendo a due passi dal posto). Di sinistra allo sbando stile Podrecca non ne posso più, di farneticazioni solipsistiche ne ho ho avute abbastanza nella mia vita e seppure a metà fra l’incuriosito e il divertito mi risparmierò l’ennesima farsa ammantata di ideologia e piena di quelle parole d’ordine che riempiono la bocca di questi soggetti (ma sarebbe anche curioso sapere chi li finanzia…). Pronto naturalmente a essere informato che la sinistra che non c’è ancora si è già scissa in due tronconi: quella che non c’è a breve e quella che non c’è a lungo. E sul lungo si formeranno almeno tre correnti, ciascuna suddivisa in molteplici rivoli etc. etc.
Piccola postilla Sono passato casualmente  in piazza S.Francesco all’orario del comizio. Un cinquantina di persone ad ascoltarlo. Captata la seguente frase: Per fortuna che il referendum di Dicembre ha bocciato la riforma: sarebbe stata la fine del conflitto Quindi la qualità di una politica sta nel conflitto sociale. Auguri!
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità. I commenti sono sempre accettati a meno che non contengano frasi ingiuriose o inaccettabili ma il fatto che siano accettati non significa affatto che riflettano la mia opinione.
PPS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Se vi siete già iscritti al blog Kurvenal per favore re-iscrivetevi anche a questo. Grazie anticipatamente.

Sad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
    NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

6 thoughts on “La sinistra sinistra a sinistra della sinistra – 11 Settembre 2017

  1. Riporto qui un commento inviatomi da F.Santarelli che mi ha lasciato la scelta se pubblicarlo o meno. Ovviamente sono ben felice di farlo: Bertoldo è un “forum” libero a tutti e i commenti servono a chi lo redige per migliorare la qualità. Il commento recita: “Caro Bertoldo, nei tuoi messaggi più recenti ho notato una crescente tendenza a contrapporre a situazioni giustamente “esecrande” un tuo comportamento individuale quasi fosse un Bertoldo vs resto del mondo. Forse una impostazione che, mantenendone la riconoscibilità, riconduca la posizione personale nell’ambito di uno schieramento più ampio, che pure esiste, non sarebbe inopportuna e risulterebbe (vedi in proposito i corsivi di Michele Serra) più coinvolgente per i tuoi affezionati lettori tra i quali mi colloco.”

    Mi piace

  2. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Gentile Professore, non si preoccupi: i vari tipi di “sinistra”, “sinistra-sinistra”, “sinistra(purtroppo)papista” – e questa è la più nutrita anche se pare un ossimoro – … ecc… ecc… sono solo pseudo diversificazioni per accontentare il mercato.
    Alla fine, dopo che ciascun elettore avrà trovato il proprio “eroe” di riferimento ( si chiamino Renzi, Bersani, Pisapia,…) ed il proprio partitino “personalizzato”, tutti si uniranno votando sui fondamentali.
    Solo strategie di mercato, insomma.

    Mi piace

  3. Roberto Barilli ha detto:

    io veramente sarei abbastanza stufo di questa mania di etichettare tutto.
    Sono del parere che sarebbe più opportuno giudicare i comportamenti e gli obiettivi raggiunti o tentati piuttosto che i singoli eroi di riferimento come indica la signora Marcucci.
    Del governo passato, infatti, non ho mai focalizzato le mie preferenze su Renzi in quanto persona ma su quello che il suo governo ha fatto o tentato di fare.
    E il bilancio è stato largamente positivo.
    Tornando invece al tema del Thread proposto da F. Santarelli, molto interessante, sono per lasciare la più ampia libertà di espressione al prof. Giovanni Neri, intesa nel senso di continuare a scegliere i punti di vista dei temi proposti nel modo più libero possibile.
    Cosa che, forse, Michele Serra ha difficoltà a portare avanti dal momento che il suo giornale ha una linea editoriale ben precisa presa, legittimamente, qualche piano più in su….
    Insomma, caro prof. Neri, per quanto mi riguarda vada avanti così che il suo stipendio non glielo leva nessuno !!!

    Mi piace

  4. Roberto Barilli ha detto:

    Michele Serra sarà senz’altro più bravo di Lei ma Lei, prof. Neri, possiede la libertà di scrivere quello che vuole e la esercita anche bene.
    Chissà come si regolerebbe Michele Serra se la possedesse anche lui ……: non lo sappiamo.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...