Spigolature, Uncategorized

L’immaturità – 22 Giugno 2017

Non profit bannerNon profit banner

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
Ci risiamo: iniziano gli esami di “maturità” (ma perché continuare a chiamare in questo modo un esame che di maturo non ha nulla?) e cominciano le litanie buoniste per i poveri ragazzi che debbono sostenere un esame ormai ridicolo nella sua facilità e con soli commissari interni (e non erano in grado di giudicarli senza esami? altrimenti i costi salgono?), con servizi televisivi di reporters di ultima in cerca di spunti che regolarmente vengono frustrati. Ricordare cosa era 50 anni fa lo stesso esame provocherebbe su questi immaturi una crisi di nervi: tutte le materie, quattro scritti in giorni successivi, versione dall’italiano in latino (provi uno studente di oggi a tradurre in latino il pensiero di Cattaneo!), inizio il primo di Luglio, due orali (prova scientifica e prova umanistica) etc. etc. Era un esame faticoso ma serio e siamo tutti sopravvissuti, stanchi ma alla fine preparati. In fondo anche questo blog e il suo italiano sono frutto di quella preparazione che non faceva sconti a nessuno. Ma molti di questi stessi immaturi ignoranti si presentano poi all’università., che certamente è cambiata ma che alla fine presenta le stesse difficoltà di 50 anni fa. Apriti cielo! Capita di correggere compiti in cui “l’itagliano” è quello dello studente che per spiegare il significato della parola (verbo) “collimare” indica l’aggettivo “fra i colli e il mare”, dove il congiuntivo è un optional (e io che insegno materia scientifica sono implacabile in materia), dove sono più gli anacoluti che le frasi corrette (inutile poi chiedere a uno studente cosa è un anacoluto).  – Forse sarebbe interessante per la fulva ministra Fedeli sapere che in Germania dove mi trovo l’accesso all’università comporta una prova tutt’altro che facile di conoscenza della lingua tedesca…– Cosa ne discende da una preparazione come questa? Che la spuntano sempre coloro che a casa hanno famiglie che usano l’italiano correttamente e che volenti o nolenti sono costretti a un supplemento privato di acculturamento, fatti salvi i casi sporadici di coloro che indipendentemente dall’ambiente sono stimolati dalla cultura, magari venendo insultati dai “bulli” di turno per i loro interessi senza che la scuola intervenga. Non mi faccio di certo illusioni e può ben essere che questa provina di immaturità corrisponda al milieu anticulturale rappresentato dalle televisioni commerciali, dai politici ignoranti che imperversano in televisione e sui giornali, dai tragi-comici a capo di sciamannati a corto di grammatica etc, e che il trend sia irreversibile. Ma si può esprimere tutto il proprio disappunto per un mondo che premia il trumpismo che è anche il frutto dell’ignoranza?
PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità.
PPS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Se vi siete già iscritti al blog Kurvenal per favore re-iscrivetevi anche a questo. Grazie anticipatamente.

Sad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

6 thoughts on “L’immaturità – 22 Giugno 2017

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    A proposito di “collimare”…
    Quindici giorni fa, sul domenicale del Sole24 e segnatamente nell’ inserto “educativo” dedicato ai più piccoli, è apparso, a tutta pagina, il seguente titolo:
    “Sei sicuro che la terra è rotonda?”
    Controllare per credere.

    Mi piace

  2. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Io mi riferivo al congiuntivo ed al fatto che Terra è in questo caso un nome proprio, oltre al fatto che, se mai, la Terra dicesi (quasi) sferica.
    Tre errori in una sola breve frase. Non solo gli studenti sbagliano…
    (Sebbene i congiuntivi siano materia di discussione tra i linguisti, è indubbio che : “Sei sicuro che la Terra sia rotonda? ” – sorvoliamo riguardo la “rotondità” – suona molto meglio. Io avrei corretto entrambi gli errori. In un titolo, poi…)

    Mi piace

  3. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    A proposito di scuola e di maturità… vera o presunta.
    La grande assente nelle nostre scuole è la Geografia. Geografia fisica quindi economica, quindi politica. E non mi riferisco agli affluenti di destra e di sinistra del Tevere o dell’ Adige, imparati a memoria come “ai tempi” ( tempi durante i quali – anche allora… – il resto del modo restava pressochè sconosciuto: hic sunt leones…) ma ad una Geografia globale come globali sono ormai i tempi che viviamo.
    Gli studenti non sanno alcunchè della Cina, dell’ India, del Sud America, neppure di quel Medio Oriente in guerra del quale ci parlano ogni giorno i media.
    Di geopolitica ancor meno di nulla ( anche da parte dei media silenzio assoluto: solo di beghe nostrane si parla e ci si finge di accapigliare fino allo sfinimento…): chi sa delle manovre militari in corso sul Baltico? Chi sa dello spostamento degli interessi militari US dall’ Atlantico al Pacifico, che tante ricadute hanno nei nostri confronti? Chi conosce la situazione dell’ Africa o degli Stati Asiatici ex URSS? Chi parla mai di risorse naturali, controversie politico-militari, armamenti, diplomazia internazionale?

    Riguardo l’ Africa, poi, l’ Italiano medio ha ancora la visione propagandata per decenni ( secoli?) dai missionari: un immenso popolo indistinto – chi conosce le diverse caratteristiche storiche, etniche, socioeconomiche, culturali, politiche dei diversi Stati Africani? – geneticamente mite e candido, che fa la fame da sempre e che dobbiamo “aiutare” in ogni modo ad libitum perchè da solo non può e non sa fare alcunchè mentre lo deprediamo a sua insaputa.
    Questo passa il convento ( questo è il vero razzismo…)

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...