Non profit bannerNon profit banner

Leggete anche il blog di recensioni musicali https://kurvenal.wordpress.com/
Per avere un’idea della modestia della politica italiana e dei nostri (ahimé – si pensi al “senatore” Razzi…) rappresentanti in parlamento e non, basterebbe vedere come i giornali si riempiano di polemiche sull'”affaire” banca Etruria e la dichiarazione della Serracchiani. Ora è del tutto evidente che a fronte degli enormi problemi che pongono disoccupazione, crescita economica insufficiente, vaccinazioni etc. etc. stiamo parlando – di fatto – di nulla. Eppure si susseguono prese di posizioni, articoli sui giornali, dichiarazioni e smentite in un balletto indegno di una nazione seria. E che un giornalista, un tempo serio, incattivito per l’insuccesso del suo Ballarò, ora sfoghi la sua rabbia contro Renzi utilizzando la scusa di banca Etruria (v. Repubblica odierna), senza che il suo direttore muova un dito (come ci manca Ezio Mauro!) è il segno di un inarrestabile degrado. Naturalmente ogni parte politica utilizza singole frasi come arieti contro gli avversari sapendo che esiste un intero popolo di pecoroni pronti a considerarle la prova provata di malversazioni, razzismo e ogni altra nefandezza. E intanto l’economia italiana rimane nei fanalini di coda della ripresa europea con un premier costantemente sull’orlo della crisi e un presidente della repubblica di cui il minimo che si può dire è che ha uno spessore corrispondente all’eloquio lamentoso che lo contraddistingue. Ora c’è luce in fondo al tunnel? No, è la mia sensazione e il “nuovo che avanza” rappresentato dai grillini fa persino rimpiangere i partiti della prima repubblica. Penso che se oggi avessimo in Italia un fenomeno come quello delle BR, sconfitto solo dall’alleanza fra i due maggiori partiti nati dalla resistenza, saremmo in una situazione senza via d’uscita. Pessimismo? No realismo.
 PS Un “blogger” non è un oracolo e commette inevitabilmente errori (il minimo possibile..). Ricevo spesso “correzioni” non sempre fondamentali e non sempre precise. Così come io mi sottopongo al giudizio altrui con nome e cognome così chi vorrà avere la bontà di segnalarmi eventuali errori o imprecisioni dovrà farlo unicamente mandando un commento: a ognuno la propria responsabilità.  
PPS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” nel riquadro in neretto sopra ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Se vi siete già iscritti al blog Kurvenal per favore re-iscrivetevi anche a questo. Grazie anticipatamente.

Sad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci

5 thoughts on “Polemiche – 14 Maggio 2017

  1. Sandra Festi ha detto:

    Prendiamo atto della “pochezza della nostra politica”, ma denunciamo anche la nostra desolazione nel leggere i giornali -di tutte le scuderie- e non parliamo dei salottini della televisione. La stampa si ferma alle portinerie.
    Sandra Festi

    Mi piace

      • Roberto Barilli ha detto:

        riflessione opportuna sulla sempre più scadente qualità dei giornali.
        Fra l’altro una situazione (vera o presunta), per l’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni, anche umoristica se mi si permette il termine.
        Lui, nella sua nuova brillante veste di stimato banchiere con prospettive rosee tipo consulente della Banca privata Rothschild + altre prestigiose forme di collaborazione in atto si sarebbe poi sputtanato spifferando a un giornalista cose così riservate?
        La cosa è credibile?
        Io non ci credo, è chiaro, ma immagino che cosa stia pensando lui, Federico Ghizzoni, ‘rintanato’ a Zurigo come ha informato Il Corriere un paio di giorni fa e senza nessuna voglia di ritornare a Milano dove ha aperto prestigiosi uffici di consulenza assieme alla moglie.
        Dialogo immaginario con la moglie Monica: “…Federico, ma cosa cavolo racconterai ora ai tuoi clienti, che sei un chiacchierone?..” “..ma no Monica, figurato se io ho detto una cosa del genere…” … “…ma te l’ho sempre detto che con i giornalisti non si parla, quelli anche da un silenzio ricavano una risposta ….” (segue grande arrabbiatura fra i due che vorrebbero tornare nella loro bella dimora piacentina ma tocca di restare ancora nella meno gradevole Zurigo …..)

        Mi piace

        • Roberto Barilli ha detto:

          certo poi che, stando alle ultimissime, fa un poco tristezza annoverare uno come De Bortoli fra i giornalisti di assalto.
          Va bene che De Bortoli deve fare la spesa tutti i giorni, come si dice nelle portinerie ricordate dalla signora Festi, ma c’è modo e modo ……

          Mi piace

          • Roberto Barilli ha detto:

            mi scuso se torno sempre su Ghizzoni ma l’uomo è una miniera.
            Dunque Federico, oramai lo chiamo così perché è come uno di noi, stamane dichiara sempre alla stampa ” ……oltre poi al fatto che quando studiavo da banchiere mi hanno insegnato che la riservatezza è una virtù”
            Da non credere, mi immagino e ve lo risparmio che cosa si sarà sentito dire da Monica.
            Ma forse questo è niente perché i ‘cacciatori di teste’ che gli hanno procurato una consulenza nella Banca Rothschild forse passeranno qualche momento imbarazzante quando il board della Banca chiederà spiegazioni sul perché hanno proposto uno come Federico.

            Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...