Spigolature, Uncategorized

Repubblica e il S.Orsola di Bologna – 11 Marzo 2017

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

In passato ho già avuto modo di segnalare la cosa ma ora sta diventando quasi “virale”. Sulle lettere dei lettori di Bologna all’edizione locale di Repubblica si susseguono sperticati quanto risibili ringraziamenti (due volte in questa settimana) per una sanità che parrebbe quasi stratosferica. Sia chiaro: il S. Orsola di Bologna (a differenza del gemello Maggiore) ha punti di eccellenza ma forse bisognerebbe ricordare che Bologna ha molte altre eccellenze e che – soprattutto – escludo che non ci siano altri argomenti toccati dai lettori che invece rimangono inevasi. Una buona sanità dovrebbe essere la normalità e non l’eccezione! Ora è del tutto evidente che c’è una sproporzione che non può non dare adito a sospetti e quindi una parzialità da parte di chi è chiamato a scegliere che non può certamente essere accreditabile ad assenza di altre missive.  Che la Repubblica sia sempre più in mano a lobbies (anche locali) è purtroppo una triste realtà che per chi ha creduto nel giornale come espressione di un pensero libero e critico di sinistra fa rimpiangere i tempi di Scalfari come direttore: si consideri in materia la giravolta effettuata passando da sostenitori quasi acritici di Renzi a critici altrettanto severi quando non pieni di acredine con tanti saluti all’imparzialità (Giannini come capofìla). E se Renzi vince il congresso si aspettanogiravolte e  peana garantiti. Esattamente come fanno i grillini: tanto, quanta memoria hanno i lettori? basta cavalcare la moda del momento! Il sogno di un giornale di stampo europeo in grado di porsi sullo stesso piano delle grandi testate intezazionali (Le Monde, La Süddeutsche Zeitung, il Times etc.) è ormai definitivamente sfumato e le piccole miserie locali come quella delle lettere (che sembrano quasi pagate – a pensare male si fa peccato ma…) ne sono un piccolo ma tangibile segno.
PS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Grazie anticipatamente.

SadSad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

3 thoughts on “Repubblica e il S.Orsola di Bologna – 11 Marzo 2017

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Purtroppo, costretta a frequentare da sempre gli ospedali bolognesi, io tutte queste “eccellenze” non le ho mai viste, anzi … Sarò certamente stata sfortunata.
    Mi piacerebbe, qualche volta, leggere sui giornali qualche “ringraziamento” ad una parrucchiera, ad uno stradino, ad un bidello, ad un operaio, ad una maestra…
    Ah, dimenticavo, quella del medico è una “missione”! Lo fanno gratis? A volte pare.

    Magari sarebbe utile – al fine di far diventare ancora più eccellente l’ eccellenza – vietare l’ uso del cellulare in corsia ( messaggini a go-go) da parte dei medici e anche la chiacchiera di gruppo di fronte ai pazienti che stanno aspettando a volte da ore; evitare poi l’ interruzione continua della visita per rispondere al telefono o scherzare con il collega che entra ed esce lasciando il paziente mezzo nudo sul lettino ad ascoltare gli affari loro sarebbe il massimo.
    Mi rendo conto che se chiedessi anche il camice abbottonato e non slacciato con nonchalance sulla scollatura ( della serie sono qui per caso…) ed il buon gusto di evitare gioielli ed abiti vistosi dovrei fare appello ad una educazione che se non si ha già a trenta o più anni ormai è persa per sempre quindi me ne astengo, oppure alla attenzione – ed al buon gusto – di un primario a quanto pare sempre in altre faccende affaccendato.

    Forse chiamarci “clienti” come in realtà siamo e non ( strumentalmente) “pazienti”, aiuterebbe…
    Ma in quel nome è racchiuso un potere … ormai alla portata di tutti.

    Mi piace

  2. Roberto Barilli ha detto:

    il commento della signora Marcucci è molto spiritoso, piacevole e condivisibile per una buona parte.
    E lo è in parte perché di personale sanitario (medici, infermieri e giù giù calando di ‘grado’) all’altezza delle aspettative ce n’è parecchio e sarebbe ingeneroso sottacerlo.
    Almeno questa riflette le mie frequentazioni da cliente (brava a sottolineare il termine corretto!) che ha avuto la necessità di frequentare qualche volta l’ambiente.
    Se poi facessimo dei lontanissimi confronti con certe realtà di altra parte d’Italia ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli.
    Teniamoci pure stretta questa nostra sanità pubblica!!!

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...