Spigolature, Uncategorized

Vita su altri pianeti – 23 Febbraio 2017

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Potrò sembrare un inguaribile positivista (e probabilmente lo sono) ma la scoperta di un pianeta distante 39 anni luce (raggiungibile con i mezzi attuali attraverso un viaggio di 4000 anni)  con atmosfera da permettere forse la vita non mi ha provocato alcuna emozione. Non ho mai dubitato che nella grande vastità di un universo in continua espansione ci fosse da qualche parte una possibile forma di vita, ma al di là dell’interesse puramente speculativo faccio fatica a capire cosa ci sia di così eccezionale da suscitare un’improvvisa ondata di entusiasmo, come se si fosse trovata la cura finale del cancro o la pietra filosofale. L’emotività avrà vita breve: entro qualche giorno la notizia finirà nelle pagine interne dei giornali per scomparire definitivamente fino a quando si scoprirà che almeno 50 anni fa (questo è il ritardo minimo delle onde elettromagnetiche che ci raggiungono da quel pianeta) c’era una goccia d’acqua. Ma poi? E’ lo stesso disinteresse che mi provocano altre “scoperte” astronomiche come quando oggi veniamo a sapere che un milione di anni fa (il tempo di navigazione dell’informazione) è esplosa una supernova. Buono a sapersi, ma ora? Naturalmente la sete di sapere dell’uomo gli è inevitabilmente connaturata ma in questo caso siamo in un campo praticamente senza ricadute pratiche e io da inguaribile laico sono solo interessato alle problematiche terrene e alle loro soluzioni hic et nunc. Naturalmente posso sbagliare e sarei ben contento di farmi convincere che invece le ricadute in termini positivi per l’umanità ci sono ma aspetto da moltissimi anni una qualsiasi risposta a domande rimaste inevase. In attesa di qualche altra “scoperta” ugualmente eclatante e altrettanto inutile (a costi elevatissimi).
PS La gestione di un blog è operazione talvolta faticosa. Molti dei miei lettori leggono il blog senza registrarsi. Chiederei cortesemente la registrazione (che non comporta nulla) e che può essere facilmente fatta “clikkando” sul riquadro “iscriviti” in basso a destra di ogni post e che permette di ricevere un messaggio email ogni nuovo post pubblicato. Grazie anticipatamente.

SadSad

Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

Annunci
Standard

5 thoughts on “Vita su altri pianeti – 23 Febbraio 2017

  1. Maria Cristina ha detto:

    Da positivista a positivista, gentile Professore, non è tanto il “costo” della scoperta che sgomenta – la scienza costa, si sa… e per fortuna non sempre ci si aspetta un immediato “ritorno”- quanto la cacofonia mediatica che si crea intorno a certe notizie.
    Insomma, se non ci emozioniamo di “spiritualità” – di concreto c’è poco… – non vale.
    A forza di guardare Star Trek e “misteri” vari ( quanto è lontano Asimov !) quasi quasi si crede al teletrasporto, unico mezzo che ci porterebbe lassù.

    A dire la verità, Carl Sagan è morto e Piero Angela non si sente troppo bene, siamo quindi assai malmessi in quanto divulgazione scientifica. Pietro Greco, Bianucci, Bellone, …la vecchia guardia della divulgazione, insomma, gente che sapeva ciò che scriveva e quindi mai scadeva – e scade – nel sensazionalismo, è stata soppiantata sui media mainstream da una nuova generazione di sensazionalisti che, anche su serissimi mensili internazionali, partorisce titoli come questo: “Se potessimo vivere per sempre lo vorremmo?” ( Le Scienze).
    Caso ha voluto che nello stesso giorno in cui leggevo il contributo “scientifico” sul sunnominato periodico, appariva sul domenicale del Sole24 il contributo :”Perchè non avrebbe senso vivere per sempre” di monsignor Nunzio Galantino.
    Come vede, ormai siamo alle convergenze parallele. E non solo riguardo tali fantasie.

    Un grandissimo, purtroppo passato di moda, scriveva che la scienza avanza per prove ed errori, tentativi ed errori, congetture e confutazioni.
    A quanto pare conviene molto fantasticare sulle congetture, sempre più fantasiose ed emozionanti: diventeremo “migranti” su quei pianeti?
    Alle confutazioni, nel caso, penseremo poi, quando qualcosa di ancor più emozionante assicurerà altri milioni di like.

    Mi piace

  2. Roberto Barilli ha detto:

    Sono sincero: la notizia del pianeta distante 39 anni luce l’apprendo ora dal Blog.
    Evidentemente la mia attenzione, in questi giorni, era particolarmente rivolta alla scissione riguardante il PD che il grandissimo Massimo Recalcati, in un suo bel commento di ieri su Repubblica, non definiva poi tragica.
    Meglio cosí.
    Ma tornando al Blog, purtroppo (che noia, lo so, ma cosa posso farci ….) la penso da laico pressapoco come il prof.
    Quelle del pianeta sono notizie che i valorosi media pubblicano per ‘rinfrescare’ il panorama ma che difficilmente attrarranno lettori sempre più distratti da ben altro.
    E per me il ‘ben altro’ poi significa la questione dei migranti che in un modo o nell’altro, ma io spero proprio in nessun modo, modificheranno la pax sociale europea.
    Da qui ai risultati delle elezioni franco tedesche se ne vedranno delle belle.
    Apro solo una piccola finestra sulla Elbephilarmonie di Hamburg: per chi volesse andarci per un concerto e immergersi in quella meraviglia architettonica e acustica bisognerà aspettare il 2018, se va bene ……

    Mi piace

  3. Maria Cristina ha detto:

    La questione migranti – che nessuno mai mi convincerà a considerare “spontanea ed ineluttabile” – ha già modificato la pax sociale europea: tutti a destra ( e che destra!). Ed il tutto è partito, per noi, dalla famosa “nave degli Albanesi”, arrivata in un ben preciso momento …Tutto prevedibile e previsto ( a pensar male, ecc…).
    Ovviamente nulla a che vedere con il cosmopolitismo Kantiano auspicato dal Professore: è tutta questione di numeri.
    Numeri che non accennano a diminuire . Ricordiamo che i “barconi” sono solo la punta dell’ iceberg: negli ultimin 20-30 anni nel nostro Paese sono arrivate milioni di persone da tutto il mondo e tutt’ altro che qualificate mentre noi abbiamo esportato ( e più che mai di questi tempi esportiamo) ragazzi per i quali lo stato ha molto speso e che porteranno ricchezza altrove.
    Nessuno scambio alla pari: quanti professori, quanti ricercatori, medici, ingegneri, fisici, biologi, tecnici informatici, operai specializzatissimi,… arrivano dall’ estero a portarci competenze?
    L’ uomo è un mammifero gregario e territoriale: il melting pot non funziona. Abbiamo ben visto come, al momento “buono”, le identità vengono messe in moto per creare caos e destabilizzazione. E quasi sempre col pretesto religioso ; vedi le ultime due guerre europee: Irlanda del Nord ( ce la dimentichiamo sempre) e Balcani.

    Bill Gates ha lanciato l’ allarme riguardo la robotica che sostituirà ulteriormente l’ uomo in tanti lavori creando nuova disoccupazione . Non ne sono certa. Con i “capitani coraggiosi” che ci ritroviamo qui, mi pare ci si preoccupi più di ripristinare lo schiavismo: gli schiavi costano meno delle macchine e poi vuoi mettere la soddisfazione di “comandare”!
    La disoccupazione cresce e crescerà, il clima si modifica e non certo a favore della specie umana, ma noi pensiamo a ripopolare! Saremo presto 9 miliardi.
    Il bacino degli schiavi deve essere affollato per poter scegliere “fior da fiore”…

    Purtroppo la propaganda del politicamente corretto – che per fortuna latita in questo blog – non permette dubbi e distinguo. Ogni riflessione è bandita, come è possibile in un Tweet? Funzionano quindi benissimo le etichette: metti in dubbio l’ “accoglienza senza se e senza ma?”: sei razzista, fascista…
    La carità che nuovamente prende il posto dei diritti: la restaurazione ha finalmente avuto la meglio.Trecento anni dopo.

    Mi piace

    • Roberto Barilli ha detto:

      Il commento di Maria Cristina è al solito ampio, interessante e molto articolato e richiederebbe ben più dello spazio in un Blog per gli approfondimenti.
      Quindi mi fermo solo alle sue ultime righe per confermare che, per me, in uno Stato democratico e quindi di diritto sulla questione dei migranti le Leggi esistenti vadano rispettate e eventualmente modificate se non più rispondenti alla realtà, senza per questo entrare di diritto nei vari Club razzisti e populisti che impazzano in Europa.
      Che, ovviamente per loro natura, sono in attesa di dedicarsi a qualcos’altro se la questione migranti dovessere essere superata.

      Mi piace

  4. Maria Cristina ha detto:

    C’è il rischio che in Francia la Le Pen vinca al primo turno ( anche se da noi non se ne parla: solo lo spin off del PD interessa…).
    Sarebbe gravissimo.
    E tutto questo “grazie” anche e soprattutto alla questione migranti.
    Qui invece pare che il governo voglia stringere i tempi sullo ius soli: come gettare, proprio ora, benzina sul fuoco. Evidentemente conviene.
    Ci sono o ci fanno? Ormai è chiaro: ci fanno. Se lo “fossero” ogni tanto rischierebbero di farne una giusta, almeno per la legge dei grandi numeri.
    Il problema è che giocano col fuoco, e che fuoco.
    Ma forse è proprio lì che si vuole arrivare, non trovo altra spiegazione.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...