Spigolature, Uncategorized

Di martedì – 16 Novembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

C’era una volta …e ora non c’è più. Ballarò, versione “la 7”, è diventato un talk show per casalinghe con un presentatore (pardon “un conduttore”…) che punta solo all’audience e non alla qualità. Ne fanno fede due aspetti. Il primo è che nella parte “politica” nessuna moderazione viene operata anzi, più un interlocutore anziché rispondere fa propaganda (come il losco e protervo figuro Salvini, tronfio come se fosse un artefice – anzi l’unico – della vittoria di quell’energumeno inqualificabile di Trump) tanto maggiore è il godimento del nostro con tanti saluti alla serietà della trasmissione. A questo presentatore suggerirei di vedere (ammesso che conosca l’inglese…) la trasmissione della BBC “Hard talk”  nella quale l’intervistatore Stephen Sackur con un perfetto aplomb anglosassone pone domande taglienti e precise e come un mastino obbliga l’interlocutore a dare risposte precise e se questo tenta di svicolare lo inchioda ripetendogli la stessa domanda. Il secondo aspetto è persino patetico. La trasmissione si conclude con una sezione dedicata al cibo (sarà lecito abbinare limoni e pomodoro?), alla casa (Fido possiamo tenerlo, e la sua pipì? Possiamo sederci sulle panchine delle pensiline dell’autobus o rischiamo peste, lebbra e altre amenità?) e ad ogni altra menata il cui livello intellettuale è di valore negativo. Al nostro fanno coro due “dottoresse” chiaramente  soddisfatte di essere in TV, le quali in modo saccente impartiscono lezioni su tutto con il risultato che si facesse l’ “Or” logico di quanto affermato l’unica soluzione sarebbe infilarsi in una campana di vetro senza respirare e mangiare. Più semplice sarebbe quindi suicidarsi, e in fretta. Ma è possibile che il livello intellettuale degli spettatori sia così basso che nessuno urli che ” il re è nudo”  e che una trasmissione come questa merita l’urlo di Fantozzi per “La corazzata Potemkin”? Arridatece Santoro” e le sue trasmissioni anni ’90. Ma forse anche nella TV che si pretenderebbe di qualità il Trumpismo si fa strada e “Di martedì” ne è l’interprete.
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Annunci
Standard

One thought on “Di martedì – 16 Novembre 2016

  1. Massimo ha detto:

    Felicissimo di trovare altri che non ne possono più delle due dottoresse di “Dimartedì” di La7, che alternano descrizioni di allergie con quello di modi improbabili di contrarre malattie esotiche, o del danno irreversibile prodotto da qualunque cibo. Mi chiedo come ho fatto ad arrivare alla mia età in uno stato di salute accettabile, diventando allergico solo alle cose che sento in televisione o nelle riunioni di lavoro. Mitico l’avvertimento di non tirare lo sciacquone a coperchio aperto, perché può formarsi uno “spray” che vaga per il bagno e si deposita sullo spazzolino da denti, reinserendo da sopra ciò che è uscito da sotto; roba che uno per sicurezza non si lava più i denti…

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...