Spigolature, Uncategorized

Di vallo in vallo – 8 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Contro i barbari cominciarono i cinesi con la grande muraglia intorno all’VIII secolo b.C., seguiti poi dai romani con il vallo Adriano e il vallo Antonino nel II secolo a.C. Strutture che furono poi abbandonate in quanto si fortificarono le città. Ai tempi nostri si possono ricordare la linea Maginot dei francesi contro i nazisti, il vallo atlantico dei nazisti contro gli alleati e il muro di Berlino. Se si esclude la grande opera cinese tutti i “valli” sono sempre risultati costosi e inutili. Si sarebbe potuto pensare che “historia magistra vitae” e invece no:  il secondo millennio è tutto un fiorire di nuovi muri contro i moderni “barbari”, disperati pronti a tutto in cerca di un minimo di speranza di sopravvivere, siano essi provenienti dal continente africano o dai paesi arabi o dal Messico. “Avanguardia” in questo contesto è l’Europa (sì, quella che avrebbe dovuto costituire un vaccino dopo la seconda guerra mondiale) e che invece della fascista Ungheria (ma quando di deciderà l’UE a sanzionare in modo pesante economicamente Orbàn? oppure si teme un ritorno dei magiari nell’alveo dell’orso russo, la stessa politica miope adottata nei confronti del fascista Erdogan?) accetta in modo supino il muro e una politica illiberale e nazionalista. Oltre al muro fra Serbia e Montenegro manca ancora un muro fra Germania e Polonia e fra Austria e Italia ma…. Con il suo progettato muro di Calais ora abbiamo anche la new entry UK, che dopo la Brexit ritiene di avere mano libera su tutto (ma possibilmente senza pagare dazio…) e che ha come complice il “socialista” Hollande che pur di raccattare un minimo di speranza (illusione) di essere rieletto accetta che sul suolo francese venga costruito un muro con i fondi inglesi (neppure un po’ di dignità economica). E la Francia dovrebbe essere una delle tre nazioni (insieme a Germania e Italia) di un direttorio in grado di tenere alta la fiaccola europea! Se le previsioni politiche sono attendibili nei prossimi cinque anni sarà tutto un fiorire di confini, valli. visti, dogane etc. Ma allora qualcuno può spiegarmi che cosa rimane dell’ideale europeo e dei suoi principi costitutivi, tenendo conto che l’unico elemento comune è l’Euro, quotidianamente sotto attacco politico e che barcolla pericolosamente nel baratro della crisi economica?
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Annunci
Standard

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...