Spigolature, Uncategorized

Repubblica – 29 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Repubblica era nata (molti, troppi anni fa…) come un giornale indipendente chiaramente rivolto alle classi più colte della nazione e con la dichiarata intenzione di accreditarsi alla stregua delle grandi testate internazionali (Süddeutsche Zeitung, Guardian, Le Monde etc.) e certamente in una prima fase l’esperimento era riuscito. Purtroppo negli ultimi tempi si è avuta una deriva sempre più accelerata in favore di posizioni non indipendenti, ma fortemente dipendenti dalle opinioni politiche dell’editore. Ne è un esempio la posizione nei confronti di Renzi e del referendum. Da una posizione in netto favore del primo ministro e del si al referendum si è improvvisamente (?) passati a posizioni più “sfumate” se non opposte, guarda caso, dopo l’intervista di De Benedetti. Nell’ambito di questo indubitabile scadimento si segnala l’edizione bolognese del giornale. Oggi in prima pagina viene pubblicata una fotografia di Silvia Prodi che si schiera per il no. Bene: ma chi è Silvia Prodi? Un’esponente della famiglia Prodi che ne riflette la posizione ufficiale oppure una privata cittadina il cui parere è del tutto uguale a quello di chiunque altro? Perché allora non si pubblica anche la foto e l’opinione di un carneade qualsiasi magari di nome Silvio Parodi? E che dire della questione dei “plagiatori” di ateneo relegata un solo giorno in una pagina interna, senza nomi e senza alcuna prosecuzione degna di questo nome nelle edizioni successive, a differenza di altri giornali visto che l’argomento ha avuto anche risonanza internazionale (ad esempio sulla France Presse)? Quali interessi si è voluto proteggere (risposta ovvia…)?  In materia questo giornalucolo locale ha anche accuratamente evitato di pubblicare una lettera a firma di decine di esponenti della società civile che chiedeva spiegazioni al rettore sul comportamento dell’ateneo nei confronti dei docenti scorretti, mentre invece continua a pubblicare zuccherose lettere di ringraziamento a dottori degli ospedali che hanno soltanto fatto il loro dovere (unico giornale che si esibisce in questo sport), il che fa persino dubitare che si tratti di spottoni a pagamento….. Mala tempora…
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Annunci
Standard
Spigolature

Il troppo è troppo -28 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Dunque ricapitoliamo. L’intervista al prof. Picci sul Corriere odierno a seguito della lettera di autodenuncia da lui inviata al rettore dei tre monkeys è solo l’ultimo atto di una serie di iniziative concretizzatesi in innumerevoli lettere inviate per la questione dell’emeritato al prof. Lorenzini, non solo dal prof. Picci ma anche da altri colleghi (fra cui il sottoscritto) e da vari esponenti della società civile cui MAI è stata data una risposta di sostanza.  Per non parlare di un’intervista radiofonica, di un articolo sull’Espresso, di un incontro fra il rettore e il prof. Picci in materia, di due interrogazioni parlamentari etc. E ora il rettore convoca una conferenza stampa nella quale, con il candore di una sorpresa uscita dall’uovo di Pasqua, annuncia che se vi sono segnalazioni saranno presi provvedimenti. E tutte quelle già arrivate? Ma ci prende in  giro? Il “giovin rettore”, diventato tale non per volontà della maggioranza del corpo accademico ma per il voto dell’elefantiaca macchina amministrativa dell’ateneo, dopo avere ricevuto come unico esponente politico Salvini (meditate gente, meditate!), assume un comportamento pilatesco e non prende alcuna iniziativa. Che abbia imparato dalla fatina dai capelli corvini sindaca di Roma? Un rettorato è una cosa seria e richiede atteggiamenti seri e coraggiosi, anche impopolari. Dia il rettore un segno tangibile della sua indipendenza e della sua serietà e scriva al ministro Giannini che il conferimento dell’emeritato al prof. Lorenzini è stato un atto dovuto (di cui egli è stato però uno degli artefici) e per il quale invece sarebbe stato ed è necessario un supplemento di indagine. Insomma batta un colpo altrimenti l’ateneo sarà ulteriormente screditato a livello internazionale (si veda il lancio francese di agenzia AFP in materia). Altrimenti non saranno le misere prebende agli amministrativi che gli salveranno la faccia.
PS Ho già dato la mia disponibilità al prof. Picci a sottoscrivere la sua lettera e mi è stato chiesto di attendere. Nel caso di sanzioni nei suoi confronti in ogni caso mi autodenuncerò senza aspettare un secondo.
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Schiene ri-curve – 27 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

C’è stato bisogno della presa di posizione del collega Lucio Picci – v. articolo in prima pagina del Corriere nazionale odierno: http://www.corriere.it/cronache/16_settembre_26/docente-fa-copiare-studenti-d26955a6-8424-11e6-b7a9-74dcfa8f2989.shtml – per sollevare l’interesse sul gravissimo problema del plagiarismo all’interno dell’ateneo bolognese (malcostume probabilmente presente in molti atenei). L’articolo, in ossequio al buon giornalismo, riporta fatti e nomi dei personaggi coinvolti – peraltro già noti all’ambiente accademico – e riporta con dovizia di particolari le motivazioni alla base del gesto provocatorio di Picci che ha coraggiosamente messo a repentaglio il proprio ruolo di professore per “svegliare” l’opinione pubblica e gli organi accademici e in primo luogo il rettore Ubertini delle tre scimmiette (non vedo, non sento, non parlo). In fondo Ubertini avrebbe potuto almeno manifestare un minimo dissenso non stringendo la mano all’emerito contestato (quasi a indicare di assolvere controvoglia a un atto dovuto – ma in realtà era uno dei firmatari della proposta di emeritato!), mentre viene invece fotografato sereno e contento. Ma è interessante analizzare l’atteggiamento degli altri giornali e in particolare di Repubblica – legata a doppio filo agli ambienti accademici – che si limita a segnalare la cosa in una pagina interna dell’edizione bolognese, omettendo accuratamente i nomi dei personaggi coinvolti. Ho sempre sostenuto l’attività meritoria di Picci (v. miei posts  Accademici “vil razza dannata” – 2 Giugno 2016 e Schiena curva –  28 Luglio 2016 ) e recentemente ho inviato a tutti i colleghi della scuola di Ingegneria una sua lettera in materia. Sapete in quanti hanno risposto? Uno, solo uno!…., a riprova che l’ambiente accademico preferisce per ovvi e inconfessati motivi far finta di nulla con un atteggiamento omertoso che teoricamente potrebbe parere privilegiare procedimenti disciplinari interni ma che si risolve in un nulla di fatto (tutti “tengono famiglia“). Ora sarà interessante vedere come reagiranno gli organi accademici che potrebbero al limite sanzionare l’accusatore e non i colpevoli: non ci sarebbe da meravigliarsi! C’è solo da sperare che un programma di informazione come “Report”, anche dopo le denunce di Cantone, si occupi della cosa e finalmente scoperchi un pentolone che da troppo tempo ha il coperchio ermeticamente chiuso.  Concludo dicendo che ovviamente condivido al 100% la posizione di Picci e sono pronto a sottoscrivere la sua lettera. Qualcun altro è disposto a seguirmi….?
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Malagò – 26 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

La rinuncia di Roma alle olimpiadi è un vulnus alla credibilità dell’Italia che rappresenta l’ennesimo regalo fatto dai pentastellati alla nostra nazione perpetrato dalla fatina dai capelli corvini. Ma forse può essere interessante leggere la biografia del presidente del Coni Malagò, presente su Wikipedia, che così conclude “Nel settembre 2014 è stato condannato dalla Disciplinare della Federnuoto a 16 mesi di squalifica in qualità di presidente del Circolo Canottieri Aniene. È stato ritenuto responsabile di “mancata lealtà” e “dichiarazioni lesive della reputazione” del presidente federale Paolo Barelli, in precedenza denunciato dal Coni per una presunta doppia fatturazione (una leggerezza). Nel successivo dicembre la condanna sportiva è stata annullata dal collegio di garanzia del CONI. Nel dicembre 2014, a seguito della pubblicazione dei relativi documenti, ha ammesso di aver subìto l’annullamento amministrativo della Laurea, “a causa della dichiarata nullità di tre esami da parte della Corte d’Appello della Capitale”, esami risultati mai sostenuti e indebitamente ottenuti tramite corruzione (un’altra leggerezza)”. Ora il nostro è in buona compagnia: da Oscar Giannino al trota e alla folta schiera di leghisti laureati inesistenti (chissà se avrebbero suscitato l’interesse di Calvino?), ma è proprio da questi personaggi che l’Italia deve farsi rappresentare in sede internazionale per farsi ridere dietro (v. il mio post http://wp.me/p76aNM-7i) ? Nulla di cui stupirsi: se l’università di Bologna conferisce il titolo di professore emerito a un docente bollato come plagiatore da una commissione di ateneo appositamente costituita, c’è forse da meravigliarsi?

PS Devo la segnalazione della biografia su Wikipedia al dott. Giovanni Ravazzolo

Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Nominati 5 stars – 25 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Ma i 5 stelle non erano quelli che avrebbero eletto solo coloro che venivano votati dalla rete? E allora qualcuno potrebbe spiegarmi come si configura la cooptazione nel gruppo dirigente di Davide Casaleggio se non per il fatto di essere il figlio di Gianroberto e di avere in mano (leggasi la capacità di manipolare) il sistema di voto dei pentastellati? Si tratta di evidente caso di nomina per discendenza, una sorta di monarchia assoluta per la quale aspettiamo la nomina di un ulteriore delfino non appena il nostro si deciderà a figliare (non so in realtà se stia già avvenendo). Dopo il clown “di lato – pardon – davanti” che inneggiava pochi mesi fa alla raggiunta maturità dei pentastellati (oggi gli uni contro gli altri armati), abbiamo assistito in questi due giorni a una celebrazione del “Dibba” in difetto di sintassi (un ignorante, insomma) e alla protratta emarginazione dell’unico sindaco pentastellato che abbia finora amministrato bene una città per lungo periodo (Pizzarotti) e che proprio per questo viene lasciato fuori dalle stanze del comando in favore delle esagitate Rocco, Lezzi, e della inconsistente teenager attempata (la fatina dai capelli corvini) Raggi. Ripeto: se – come dicono i sondaggi – un 44% degli americani è pronto a votare per quel buffone di Trump (includendo il guerrafondaio Luttwak) allora è possibile che una buona parte dei decerebrati italiani possa votare per i pentastellati. Salvo poi rimpiangere in italianissimo modo i passati governi. “Arridatece il puzzone” si gridava dopo la guerra…

Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Ἑαυτὸν τιμωρούμενος – 23 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Ἑαυτὸν τιμωρούμενος (il punitore di sé stesso) è una commedia di Terenzio il cui protagonista potrebbe essere il nanetto Brunetta. Nella trasmissione “Si/No” condotta venerdì sera da Mentana (che da moderatore però manca assolutamente di polso quando si tratta di obbligare i partecipanti a rispettare le regole di un dibattito serio – dovrebbe riguardarsi il dibattito sulla Brexit alla BBC. Ma si sa tiene famiglia…) ha vinto il campionato mondiale di arrampicata sugli specchi a cominciare dalla contestazione iniziale al governo del testo referendario … fissato dalla cassazione e non dal governo (una balla mondiale ripresa –  c’è da meravigliarsi? – dal direttore Sallusti del “Il Giornale” di oggi 24 Settembre)! L’aggressività prevaricatrice riesce a renderlo così antipatico che molti elettori si saranno convinti a votare “si” non fosse che per fargli un dispetto. La sua maggiore caratteristica è quella di ripetere ossessivamente le stesse frasi come se fossero un mantra divino coprendo la voce degli interlocutori anche se non è il suo turno. Una maleducazione che ha trovato un clamoroso contraltare nel  coéquipier Civati (in quale compagnia!) il quale ha esposto le proprie ragioni in modo pacato ed educato così come ha fatto Nardella (di Galletti – nihil – inutile parlare). Brunetta anziché rimanere sull’argomento oggetto del dibattito svicola regolarmente buttando tutto in  caciara e propaganda di bassa lega lamentando la condanna sacrosanta di Berlusconi, i parlamentari a suo giudizio illegittimi per la sentenza della corte costituzionale (che però non ha certo richiesto l’interruzione della legislatura!), una versione del tutto personale della rottura del patto del nazareno, una narrazione risibile della rottura del patto della crostata.. (Penso spesso ai suoi  poveri studenti con un professore di tal fatta). Ad ogni piè sospinto non riesce a trattenersi dall’intervenire in modo sgangherato convinto di averne diritto per investitura divina (Berlusca…). Insomma i sostenitori del “si” non possono che ringraziare il piccoletto: se non ci fosse bisognerebbe inventarselo! Grazie Brontolo (senza la sua simpatia..).

Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Il nulla “au pouvoir” – 22 Settembre 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

La teenager attempata catapultata senza rendersene conto alla guida di Roma (alla stregua di Scajola cui era stato acquistata una parte di appartamento senza saperlo!), è una tipica esemplificazione del  concetto di “re travicello” la quale, incapace di prendere decisioni autonome, aspetta l’imbeccata di un sedicente direttorio e di un clown emulo di Giannini (il leader del movimento – again – de “l’uomo qualunque”), e ha comunque dimostrato di essere un’esponente “firmata” di quell’accozzaglia di dilettanti che sono i pentastellati. Anche nella maleducazione (esemplificato dal linguaggio grossolano di Di Battista), facendo aspettare oltre 30 minuti il presidente del CIO italiano  senza avere neppure la delicatezza di avvertire e per un impegno inderogabile … come papparsi un minestrone. Ovviamente la ragione inconfessata è stata l’incapacità di confrontarsi non avendo a disposizione l’auricolare di teledirezione che utilizzava Ambra Angiolini (la Raggi sembra proprio la Angiolini invecchiata senza saperlo!). La conferenza stampa nella quale ha pomposamente annunciato la rinuncia alle olimpiadi è tutta da rivedere: le parole sono lentamente e faticosamente estratte dal residuo di materia cerebrale con il contagocce cedendo appena possibile la parola al vicesindaco e dando la costante impressione di chiedersi “ma che ci faccio qui? cosa dirà il padre padrone Grillo?” come una studentessa impreparata uscita dall’uovo di Pasqua. E questa sarebbe la punta di diamante, l’esemplificazione della capacità di governare? Ma allora “arridatecene” Veltroni, Rutelli e persino Alemanno e tutti gli altri che almeno avevano la capacità di esprimersi in pubblico. Dopo due mesi di “sgoverno” della città, con regole (?) costantemente non applicate ma “interpretate” (v. il caso Muraro), senza un assessore importantissimo come quello al bilancio, con i vertici (ma non dovevano non esistere?) in costante lite interna, con la soppressione delle sedute in streaming, dove “uno vale tutti”, come è possibile che ci siano ancora elettori che credono nel movimento? Non c’è da meravigliarsi: la maggioranza degli elettori sono bambini dell’asilo (cito Berlusconi) il cui massimo divertimento è distruggere senza sapere costruire.  Ma le spese le fanno tutti gli elettori non il pugno di adepti della rete che decidono, utilizzando un sistema di voto che anche un bambino saprebbe manipolare.
Sad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzanndo l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard