Spigolature, Uncategorized

La memoria dei giornali – 17 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Chi si ricorda ormai della tragedia di Giulio Regeni? Qualche breve trafiletto finisce nella pagine interne di qualche giornale pronto all’oblio. E chi si ricorda della campagna internazionale “Bring back our girls” successiva al rapimento di duecento studentesse da parte di Boko Haram in Nigeria? Totalmente dimenticata se non per qualche sporadico ritrovamento di alcune di queste giovani violate, stuprate, costrette a gravidanze non volute. E quanto durerà lo sdegno per l’assassinio di una parlamentare inglese contraria alla Brexit? L’informazione oggi dura lo spazio di uno scoop e i valori violati sono merce da spendere in breve tempo per poi passare ad altro. Può essere che la cosa sia inevitabile ma posso dire che questo è un ulteriore segno di un degrado nel quale non mi riconosco?
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Annunci
Standard
Spigolature, Uncategorized

Passante a Bologna – 15 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Terrorismo, ISIS, Brexit, crisi economica etc.: può bastare? Eppure di cosa si occupano i nostri giornalucoli italiani: dei ballotaggi, dell’ex-cavaliere, dei campionati europei etc. E il massimo è dato dai giornali locali bolognesi: sembra che il passante sia l’unico argomento interessante, con fiumi di lettere pro e contro ridicolmente giustificate con un’ottica particolaristica neppure di quartiere ma di caseggiato!  Specchio dell’insipienza dei lettori o ancora peggio specchio della stupidità giornalistica? Una bella gara…
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

Università – 14 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Archiviato senza nessun interesse l’ “affaire” professore nominato emerito pur essendo stato bollato dal senato accademico per avere copiato parti di un libro americano (e nessuno ha chiesto in base a quale perverso meccanismo questo sia successo e come sia possibile che il TAR si sia espresso in favore del suddetto – ma a che serve il TAR se non a legittimare il fatto che l’Italia sia il paese degli azzeccagarbugli?), facendo persino pensare che la bocciatura alla Fondazione Carisbo del rettore qualche fondamento l’avesse (magari casualmente), l’università torna nel dimenticatoio della pubblica opinione. Salvo poi tirarla fuori dal cassetto per qualche dichiarazione roboante di un politico in cerca di facile pubblicità. Eppure tanto ci sarebbe da dire senza stare a scomodare la comoda polemica sui “baroni” (che noia questo nome privo ormai di significato!) e per una volta non occuparsi solo di “ricerca” ma anche di “didattica”. Un ridicolo assunto vuole che chi fa buona ricerca sia anche un buon didatta. Nulla di più falso: la ricerca è condizione necessaria ma assolutamente non sufficiente. Qualcuno sa che i concorsi si vincono solo per le pubblicazioni mentre la didattica conta praticamente nulla? Eppure l’insegnamento è la metà del cielo dell’università ma i giovani, giustamente vogliosi di carriera, fanno didattica di malavoglia e spesso con risultati disastrosi. Qualcuno sa che i programmi dei corsi non sono controllati da nessuno? Si assegna un titolo poi ciascuno insegna quello che vuole in nome della libertà di insegnamento che diventa molto spesso arbitrio di insegnamento. Qualcuno sa che l’unico controllo è quello demandato a dei ridicoli questionari sottoposti agli studenti? Come se fossere iin grado di giudicare quello che debbono ancora imparare! E così via. Quando insegnavo a Londra la didattica dei professori era controllata mensilmente e chi sgarrava veniva espulso. Qui semplicemente non si controlla nulla e in molte scuole (le facoltà hanno cambiato nome grazie alla ineffabile Gelmini) addirittura non si controlla neppure se il docente ha fatto lezione. Meditate gente, meditate…
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

USA – 13 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Un brevissimo commento: gli USA sono la più grande democrazia del mondo? Forse ma provate a immaginarvi quello stato comandato da un buffone con i capelli gialli, che detiene la valigetta “fine del mondo”, dove chiunque, anche un pre-indagato può acquistare un’arma letale e fare una strage a qualunque titolo e ditemi che significato ha la parola democrazia. E l’idea di dovere sperare in Hillary Clinton dà la misura della tragedia. Ci attendono tempi cupissimi….
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

“La repubblica” di Bologna – 8 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
A riprova di quanto già scritto in questo blog ovvero della assoluta parzialità  della redazione bolognese di Repubblica si vedano le lettere odierne dei lettori: 3 (tre!) sul passante (ormai vuole fare concorrenza al Carlino) e nessuna sull’affaire emeriti, per fare un esempio. Ci sono argomenti sui quali cala un silenzio mafioso (come sul teatro comunale)  a riprova che un giornale che si picchrebbe  di un atteggiamento cultural-imparziale è di fatto preda di piccole consorterie che impongono il silenzio su alcuni fatti e suonano la grancassa su altri, per interessi locali, nè più nè meno di quanto fanno altri quotidiani dai quali Repubblica vorrebbe distinguersi. E buona notte al secchio!
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

“Crisi” – 6 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
kρινw” (da cui la parola “crisi”) in greco significa “giudicare”: infatti una crisi è un momento in cui si devono giudicare i fatti e prendere una decisione. Il significato traslato nei tempi moderni è invece sinonimo di catastrofe e viene costantemente abusato dai politici. Chi oggi ha i capelli bianchi (o almeno brizzolati) ricorderà il tempo della “congiuntura” (1964) che fece seguito al periodo del boom economico e che costituiva una bella espressione verbale per evitare il nome “crisi” che avrebbe nuociuto al partito allora al governo, la DC, e che dava un senso di temporaneità del problema. E’ da allora che le crisi si sono susseguite alle crisi per le quali sono sempre sorti uomini della provvidenza, Craxi prima, poi il Berlusca (Craxi al quadrato) e oggi i pentastellati teleguidati dal comico di lato Grillo.  Ognuno con formule miracolose rivelatesi rapidamente catastrofiche sia perché l’andamento globale del sistema terra è semplicemente imprevedibile, sia perché tutti questi personaggi si sono rivelati degli incapaci quando non dei ladri.  Forse l’ultima congiuntura economica-  che ancora si protrae – merita veramente l’appellativo di crisi ma è lecito temere che il nuovo che avanza sia una ennesima fregatura? Io – vecchio, e forse diventato involontariamente conservatore – preferisco l’usato sicuro senza formule mirabolanti ben sapendo che la piccola Italia conta poco o niente nel gioco mondiale delle economie. I populismi di accatto, i toni esagitati, gli insulti, le dichiarazioni roboanti, gli scontri epici per battaglie di pochissimo conto, gli atteggiamenti muscolari mi fanno ribrezzo. Sogno un mondo che non esiste più o forse non è mai esistito ma è almeno lecito avere un modello di riferimento di alto profilo (vedi in materia  Woody Allen in Manhattan quando gli viene chiesto se si crede Dio)?
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard
Spigolature, Uncategorized

I “non perdenti” – 6 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Nulla di nuovo, sia chiaro: alle elezioni italiane nessuno, proprio nessuno perde. Al massimo si concede di “avere contenuto il prevedibile calo”  (ma se era prevedibile perché non l’avete contrastato?) oppure  “di avere conseguito il risultato atteso” (come quando l’esercito italiano si ritirava e i bollettini di guerra parlavano di “attestazione sulle posizioni prestabilite”). Ancora più tragicamente divertenti sono i commenti che in pratica dicono “io ho perso – anzi non ho vinto – ma il mio acerrimo nemico ha perso più di me e questo è un gran risultato”. Nessuno, dico nessuno che dica:”porca miseria che batosta!”. Il primo ministro concede al massimo di “non essere contento” (e ci mancava con la legnata di Roma!) mentre si attende la dichiarazione dell’ex-cavaliere che dopo essere stato tramvato a Roma forse ci delizierà con una delle sue eleganti esternazioni a base di tette e culi. D’altronde che sono le misere elezioni italiche davanti all’immigrazione, alla Brexit, a Donald Trump etc. etc. “si parva licet componere magnis”… ?
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Standard