Spigolature, Uncategorized

Brexit – 25 Giugno 2016

Non profit bannerNon profit bannerSclerosi

Leggete il blog delle recensioni musicali kurvenal.wordpress.com
Adesso siamo alle comiche finali. In UK molti si pentono (spettacoloso il governo del Cornwall che adesso si sorprende nel capire che i finanziamenti fondamentali per la sua sopravvivenza termineranno!) e ammettono di avere votato senza avere capito e di essersi fatti convincere da bugie. W la democrazia, quindi.. Ma ora no mercy. Chi sbaglia deve pagare e le misure debbono essere dure e drastiche per “sconsigliare” altri paesi a compiere lo stesso sbaglio (a parte Polonia e Ungheria che spero commettano lo stesso errore…). Poi naturalmente l’Europa DEVE cambiare rotta, smettere di essere ottusamente burocratica e iniziare senza indugio un’unione politica a cominciare dalla unificazione dell tassazione. Altrimenti “finis Europa”.
SadSad
Blogposts translations are available!Website Translation WidgetWith Windows PC just select in the right box your language and then activate “traduci” or “translate“: the  posts are (often very, very, very  badly) automatically translated (Google translator).
Apology:  in some cases (i.e. german) the translation can be totally meaningless. 
 NB: leggete anche i commenti ai posts selezionando il bottone “commenti” sulla sinistra del post. Talvolta sono persino più interessanti del post stesso!!! 
PS  Vorrei ringraziare tutti coloro che inseriscono commenti  ai posts utilizzando l’opzione “Lascia un commento”  (o “commenti” se ne sono già stati inseriti) prevista nella sezione sinistra (o prima del testo per schermi ridotti come i tablets) dei posts stessi affinché tutti possano leggerli.  Il dibattito è sempre interessante per tutti…..grazie (i commenti, per essere pubblicati, debbono recare nome, cognome e email)!!
Per un elenco aggiornato di tutti i precedenti  posts di questo blog con i corrispondenti links

Blog

IMG_5597

 

Annunci
Standard

One thought on “Brexit – 25 Giugno 2016

  1. Maria Cristina Marcucci ha detto:

    Temo che l’ Europa – intesa come insieme di Stati che la compongono – non sia del tutto libera di organizzarsi autonomamente. Referendum o non referendum.
    Come ho già ricordato altrove, nel territorio di Stati che si vogliono far percepire come “sovrani” ci sono molte zone franche in cui vengono custodite armi anche atomiche appartenenti allo Stato estero più potente del mondo. Vorrà pur dire qualcosa.
    Come vuol dire qualcosa il fatto che tale Stato ha sempre avuto la fissa di controllare la Russia e di organizzare una forte pressione NATO alle sue frontiere utilizzando a questo scopo l’ allargamento ad Est dell’ UE.
    L’ Europa è la terza potenza mondiale come popolazione dopo Cina ed india ed una sua crescita non è certamente vista di buon occhio da chi cerca in ogni modo di mantenere il controllo globale . Nonostante i ripetuti proclami.
    Non è nè giusto nè sbagliato, semplicemente è così. I giudizi morati non apparetengono alla geopolitica anche se – per fini di controllo ed indirizzo dell’ opinione pubblica – nei giudizi morali convenientemente approntati siamo da tempo immersi fino al collo.

    Quello che è certo è che siamo stati spinti, fin da subito, ad esorcizzare il secondo conflitto mondiale e le sue conseguenze. Ai giovani ora pare che la “liberazione” ( da noi stessi, ricordiamolo) non sia avvenuta per mano delle Forze Alleate ma esclusivamente grazie alla Resistenza.
    Questa narrazione ha avuto ed ha un duplice scopo: creare un mito patriottico di cui essere fieri ( dimenticando l’ 8 settembre e molto altro…) e minimizzare il controllo economico e politico che i vincitori hanno mantenuto e mantengono sui vinti.
    Controllo reso evidente nel nostro Paese durante gli anni ’60 quando la crescita vertiginosa dell’ Italia dal punto di vista scientifico ed industriale è stata clamorosamente stoppata. Vedasi i casi Mattei, Marotta, Ippolito, Olivetti…
    E da allora siamo il Paese del cibo, del turismo, e della moda. E non sappiamo mantenerci neppure quelli .
    Non più il Paese della musica, purtroppo, se il nostro ambasciatore nel mondo si chiama ora Bocelli…
    Speriamo bene.

    Mi piace

Lasciate un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...